Cronaca » Provincia di Forli'-Cesena

Si suicida a 16 anni, chiesta la condanna per i genitori: "L'hanno istigata"

Mercoledì 16 Maggio alle 20:48


Il tribunale di Forlì

Sei anni di carcere per il padre, accusato di istigazione al suicidio e maltrattamenti fino alla morte, e due anni e sei mesi per la madre, per l'ipotesi di reato di maltrattamenti fino alla morte.

Sono queste le richieste di condanna della pubblica accusa nei confronti del padre e della madre di una 16enne che, la mattina del 17 giugno 2014, a Forlì, si tolse la vita gettandosi dal tetto del suo liceo.

Prima di uccidersi, la ragazza aveva registrato un audio in cui rivolgeva pesanti accuse ai genitori, soprattutto al padre, perché - a detta sua - responsabile di averla portata alla decisione estrema.

È da lì che aveva preso avvio il procedimento giudiziario al tribunale della città romagnola: la pm Sara Posa, dopo aver ricostruito la vita della ragazza, una studentessa modello, ha parlato dei rapporti della coppia con la figlia, definendoli un "comportamento genitoriale disfunzionale" tra vessazioni, dinieghi e l'isolamento dalle coetanee.

Secondo l'accusa, quei rapporti sarebbero peggiorati quando la ragazza avrebbe cercato di reagire e, per tutta risposta, sarebbe stata isolata anche in famiglia. Infine, sempre secondo l'accusa, i genitori erano consapevoli di quello che il loro comportamento stava generando ma non hanno fatto nulla per migliorare la situazione.

(Unioneonline/D)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • sadam 17/05/2018 09:50:55

    Una condanna benevola, sarebbe dovuta essere molto più pesante, genitori che portano i figli al suicidio, molto peggio di un omicidio!