Cronaca » Sestu

Bidella suicida: "La bimba parla di una alta e bionda, Agnese era piccola e canuta"

Venerdì 11 Maggio alle 09:20


Il tribunale di Cagliari

Agnese Usai era una persona di bassa statura, con i capelli corti e brizzolati. La bambina che avrebbe molestato ha descritto una donna alta e bionda con i capelli lunghi.

Lo rivelano gli avvocati della bidella suicida, che col suo gesto ha scosso la comunità di Sestu e non solo. "I tanti fratelli la proteggevano e proprio lei andava sempre a prendere i nipoti a scuola. Le volevano bene tutti".

Una persona così non può aver molestato una bambina di 4 anni.

Ma la verità ancora non c'è. Lei non ha avuto la forza di aspettare che la giustizia facesse il suo corso e l'ha fatta finita, nel bagno della propria abitazione.

Ai funerali, celebrati l'altro ieri, scolaresche, colleghi, personale scolastico, oltre a parenti e amici, hanno partecipato alla cerimonia tra le lacrime. Un gruppo di bambini ha portato rose bianche per la loro ex bidella, 64 anni, 40 spesi al servizio dei piccoli scolari.

Ora gli avvocati rivelano alcuni particolari che avrebbero potuto cambiare il corso delle cose: "La bambina è inattendibile", il suo racconto è "contraddittorio", per il tempo, "troppo", trascorso tra l'avvio delle indagini e la versione data dalla piccola al giudice ("potrebbe essersi trattato di un falso ricordo"), e per il fatto che, nel resoconto, ha descritto una persona diversa da quella sotto accusa: "Agnese Usai era alta un metro e 50, pesava 45 chili e ha sempre avuto i capelli grigi e corti. La piccola ha parlato di una persona coi capelli biondi e lunghi, di corporatura robusta e altezza medio alta". Insomma, "non l'ha riconosciuta", dicono gli avvocati, convinti che, visto l'incidente probatorio nel quale la vittima aveva confermato le accuse, gli elementi probatori fossero labili e che si sarebbe potuti arrivare all'archiviazione.

***

 
foto simbolo
Accusata di pedofilia si uccide. La vicenda che sconvolge Sestu

 
un momento della cerimonia (foto anedda)
Suicida per l'accusa di pedofilia: Sestu saluta la "Signora Agnese"

 
l interno di un asilo
Donna suicida innocente. Fino a prova contraria. Intanto telecamere in asili, scuole, ospedali e strutture per anziani

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

24 commenti

  • Brent 12/05/2018 18:03:04

    Ma ci pensate a questa povera bambina che crescerà con il rimorso di aver provocato anche se in maniera indiretta la morte della signora Agnese? E per cosa? Per una frase che non si ricorderà nemmeno di aver detto, anche la bambina è una vittima di questa brutta storia, mentre gli unici responsabili sono tutti quei adulti che non hanno saputo dare il giusto peso alle parole di una bambina
  • ienaridens 12/05/2018 10:23:57

    non ho parole. e quelle che ho son troppo forti per essere espresse qui. ma molti genitori si facciano esami di coscienza sui figli spesso visionari prima di fare denunce tanto gravi. povera donna, non oso immaginare l'inferno che ha vissuto
  • user234904 12/05/2018 07:15:49

    chiedo ai parenti della donna di continuare e denunciare chi e responsabile di questa morte
  • user234904 12/05/2018 07:12:51

    20 bimbi che parlano di una maestra brava ed educata contro le dichiarazioni di una povera bimba, che non sa distinguere che era la donna, vogliamo giustizia x lei
  • piereddu49 12/05/2018 06:41:57

    L a bimba e ignara di cio che sta accadendo,bisogna fare indagini sui genitori che probabilmente c'e qualcosa di vecchio nei confronti della signora Agnese.in questur indottia sono andati loro non la bimba che ancora oggi non capisce cosa stanno tramando i genitori:sono i geneitori che devono essre sotoposti a interrogatori continui,finche loro non diranno la vera mottivazione che gli ha.
  • semur 11/05/2018 23:15:44

    7965giuseppe Oltre ad averla sulla COSCIENZA a VITA, deve anche PAGARE AMARAMENTE l'aver svolto indagini SBAGLIATE: pensi che certi (o tutti) i magistrati abbiano coscienza e che paghino?
  • figueras 11/05/2018 21:21:35

    Come dall'arco la freccia scocca vola veloce di bocca in bocca ....cantava un grande cantautore .Il problema è che molto spesso volano condanne del tutto gratuite su persone, che di fronte a certe accuse non si possono difendere. Tenere a freno la lingua evita di fare del male . Io credo la SIGNORA AGNESE .R.I.P.
  • Brent 11/05/2018 19:55:42

    Ma scusate una bambina o un bambino che vengono abbracciati, baciati e accarezzati, da un adulto, anche se non fosse il genitore, ma sono molestie queste o gesti di affetto naturali? Allora anche cambiare un pannolino è molestia? E non è invece una molestia ben più grave quella di costringere una bambina a sottoporsi a interrogatori perizie psichiatriche e processi giudiziari? Ma in che razza di società viviamo? Dov'è finito il buon senso?
  • mercer 11/05/2018 18:34:18

    Rignano (Regione lazio) docet. E ora possiamo aggiungere Sestu al novero delle isterie genitoriali.
  • greman 11/05/2018 17:32:34

    Quello che è capitato alla povera Agnese può capitare a chiunque, venire accusati senza prove, sulla base di fantasie ................. non escluderei che la vicenda sia nata magari da un brutto sogno della piccola.