Cronaca » Sardegna

La Sardegna ha il suo inno: sì del consiglio a "Procurad'e moderare"

Sabato 28 Aprile alle 18:35 - ultimo aggiornamento alle 19:07


Il consiglio regionale

"Procurad'e moderare" è l'inno della Regione: lo ha deciso il Consiglio regionale, con l'approvazione della legge (primo firmatario Pietro Cocco, Pd) che adotta come canto ufficiale il componimento di Francesco Ignazio Mannu.

Nella votazione si sono astenuti i consiglieri dei gruppi Sardegna, Forza Italia e Riformatori sardi.

Al termine del dibattito Christian Solinas, eletto al Senato, si è dimesso dal Consiglio regionale.

Al suo posto in aula è entrato Nanni Lancioni.

SA DIE DE SA SARDIGNA:

 
le celebrazioni in cattedrale
Festa per Sa die de sa Sardigna, Pigliaru: "Rivendichiamo i nostri diritti"

 
la cattedrale di cagliari
Cagliari, in Cattedrale la messa in limba: "Avvicina le persone alla fede"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

7 commenti

  • usergigetto 29/04/2018 14:14:25

    @compagnero. Peraulas santas. Poi mi pare che anche Mameli fosse di origini sarde. Ma forse anche ,procurade e moderade.gli sarebbe piacciuta dai. Wl'isola .
  • mariotto58 29/04/2018 11:57:22

    Inno ridicolo. Con, nel filmato, messaggi subliminali sull'accoglienza. C'erano più africani che sardi a cantare l'inno voluto dalla Regione Sardegna, distintasi per aver assecondato negli ultimi anni l'arrivo in Sardegna delle cosiddette risorse a spese del contribuente sardo. Patetico anche lo sventolare del vessillo dei quattro mori: una bandiera di guerra di origine catalana, simbolo delle vittorie contro i mori musulmani, invasori della penisola iberica.
  • Frangeo 29/04/2018 11:09:00

    Certo che la scelta è controproducente per i baroni della Regione. Hanno scelto un inno contro se stessi e i loro vigliacchi interessi a spese della popolazione. E' un incitamento a cacciarli. Facciamolo!
  • user220836 29/04/2018 10:57:50

    finalmente una buona notizia, ...ma... per i pagamenti, lo accettano in banca...? o vogliono sempre gli euro...
  • compagnero 29/04/2018 09:53:20

    Questo non sarà mai solo l'inno della Sardegna, sarà l'inno di tutti i popoli del mondo che lottano contro i soprusi, contro i baroni della finanza, i baroni dell'energia, i baroni della salute, i baroni dell'economia in genere finché non torneranno a "pes in terra!!"
  • Sardu613 28/04/2018 23:07:52

    Ottima scelta, una volta tanto.
  • tamburello 28/04/2018 22:38:45

    L'inno è uno ,L'INNO DI MAMELI...