Cronaca » India

India, violenza senza fine: tre bambine stuprate e uccise

Venerdì 20 Aprile alle 10:36 - ultimo aggiornamento alle 11:23


Immagine d'archivio

Non si fermano gli episodi di violenza nei confronti di bambine in India.

Altre tre minori - secondo quanto riferito dalla polizia - sono state violentate e uccise nel corso di altrettante cerimonie nuziali nello stato dell'Uttar Pradesh e del Chhattisgarh, allungando la lista delle brutali aggressioni sessuali riportate nell'ultima settimana nel Paese.

La violenza nell'Uttar Pradesh è avvenuta nel distretto di Etah giovedì notte, solo tre giorni dopo che un'altra bambina di 7 anni era stata aggredita sessualmente.

A compiere il crimine sarebbe stato uno dei cuochi della festa, il 25enne Pintu Kumar, che, dopo aver attirato l'attenzione della bambina di 9 anni, l'ha portata via dalla festa per aggredirla sessualmente e poi strangolarla. Il corpo della piccola è stato ritrovato il giorno dopo e l'imputato è stato arrestato e accusato di omicidio, stupro e occultamento di cadavere.

In un altro episodio una 11enne è stata rapita mercoledì durante un matrimonio nel distretto di Kabirdham, nello stato di Chhattisgarh, da un 25enne che è stato arrestato dalla polizia ed ha ammesso il crimine. Il giovane, che era un amico dello sposo, ha trascinato via la bambina dalla casa dove si stava svolgendo la festa e l'ha portata in una zona isolata, dove l'ha violentata e uccisa colpendola alla testa con una pietra. Quindi è tornato alla festa di nozze.

Lo stesso giorno, nel villaggio di Sitalpur, nello stato di Etah, una bambina di 7 anni è stata portata via da una festa nuziale da un diciottenne che l'ha violentata e strangolata in un casa abbandonata in costruzione. L'adolescente è stato trovato ubriaco, proprio accanto al corpo della bambina.

(Unioneonline/s.a.)

 
immagine simbolo
Stupro di una bambina, l'India scende in piazza contro la violenza

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook