Cronaca » Laconi

Laconi, anziano truffato dalla badante: "Sono stato troppo buono"

Giovedì 22 Febbraio alle 16:22 - ultimo aggiornamento alle 17:04


"Mi sono fidato di lei e ho perso 30mila euro".

È amareggiato Antonio Deidda, 83enne di Laconi, mentre racconta quello che ha subito: una truffa in piena regola, organizzata da una badante.

La donna, una rumena di 40 anni, si è presentata a luglio alla porta di casa sua, in via Verdi, e ha cominciato a lavorare per lui e la moglie, che aveva bisogno di assistenza dopo essere stata vittima di un malore. Ma presto le cose non sono andate come dovevano.

L'anziano, dice, ha scoperto che l'assistente prima ha rubato contanti da un cassetto, poi ha fatto dei prelievi con il suo bancomat: 600 euro, per quattro volte.

Si è difesa, davanti alle accuse, dicendo che aveva problemi economici e che le cose si sarebbero risolte. Intanto l'83enne aveva già stipulato un contratto con la donna: 28mila euro, in cambio dell'assistenza alla moglie.

Un giorno, dopo aver incassato i soldi, la badante gli ha chiesto in prestito l'auto, la sua 500: "Devo andare a Isili", gli ha detto, e invece è tornata in Romania.

"Non mi sembra vero - commenta Deidda - che esistano persone così cattive, che approfittano in questo modo delle persone anziane".

Sul caso sono state aperte le indagini dei carabinieri di Laconi, con la collaborazione della Polizia internazionale.

(Unioneonline/D)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

4 commenti

  • mysardinia 23/02/2018 10:38:06

    E da farla ricercare, e buttare in carcere nel freddo. Coraggio Signor Deidda. Purtroppo dobbiamo stare attenti con tutti.
  • Picciovillo 22/02/2018 23:20:30

    Non voglio essere impietoso ma, per come la storia è stata raccontata, quegli anziani, per l'enorme ingenuità dimostrata (per non dire stupidità), avrebbero bisogno non di una badante ma di un tutore. Mi lascia anche molto perplesso il fatto che persone così "ingenue" non abbiano dei figli o dei parenti che vigilino affinchè non possano cadere in simili tranelli.
  • Merfurio 22/02/2018 18:27:07

    Se mai dovessi avere bisogno di una badante (?), prima di farla entrare in casa prenderei le mie precauzioni, niente gente dell'est, ne sicilia, una volta scelta, visita dal fabbro per mettere ai piedi delle catene tipo manette, a casa il servizio controllato
  • MIMMO50 22/02/2018 18:25:46

    ma come si fa a dare 28.000 euro a una conosciuta d poco ! e nn aveva qualche parente x chiedere dei consigli!