Cronaca » Ghilarza

Ghilarza: crudeltà su un gatto, ucciso e preso a sassate

Domenica 21 Gennaio alle 14:03


Il gatto

Un gatto barbaramente trucidato: è l'istantanea che questa mattina chi passava in via Dante, nel cuore del centro storico di Ghilarza, vedeva.

La vicenda è poco chiara, salvo un dettaglio: il povero animale, ormai morto, è stato preso a sassate.

I fatti risalgono alla giornata di ieri.

A quanto si dice il gatto sarebbe stato ucciso a bastonate, ma al riguardo non ci sono conferme, e poi trasportato in un'altra zona del paese, in via Dante appunto.

Nel pomeriggio c'è chi ha visto delle pietre vicino al povero animale. Pietre che poi sono state usate per infierire sul gatto morto.

Un gesto grave, di estrema crudeltà.

Qualche tempo fa, nella zona bassa del paese, si erano registrati parecchi casi di avvelenamento e c'è chi aveva segnalato ai carabinieri la strage di gatti.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

9 commenti

  • TerreBrune 01/02/2018 15:16:02

    idioti... semplicemente idioti! sicuramente ragazzini semianalfabeti che disonorano la Sardegna. Ma il problema sono i genitori che andrebbero multati senza pietà e i paesani che sanno. Perchè è assolutamente sicuro che qualcuno del paese conosce questi farabutti ignoranti...
  • user236824 01/02/2018 12:37:16

    I paeselli Abbasanta-Ghilarza-Norbello sono ormai i balia di un gruppetto di 5 CRIMINALI tredicenni che dopo cena i genitori non vogliono in casa e si sentono quindi in diritto di sfogare la loro frustrazione e disagio dalle 21:00 alle 02:00 lanciando sassi sulla 131, devastando pensiline o seviziando gatti randagi e di proprietà. I Servizi Sociali che aspettano? chi deve fermarli? Comunque il gatto in questione è stato prima avvelenato da qualche zelante cittadino Ghilarzese e poi finito così
  • Franco2015 22/01/2018 07:48:42

    Perché l’Autorità religiosa, che ha la pretesa di condizionare la vita di tutti, anche di coloro che non sono praticanti o addirittura non credono, non prende una posizione chiara e ferma contro i maltrattamenti e le crudeltà nei confronti degli animali ? Quando avrà la forza di affermare che tutti gli animali devono essere rispettati, hanno diritto a una vita meritevole di essere vissuta e, quelli destinati alla macellazione, a una morte rapida non accompagnata da sofferenze ?
  • gradisar 21/01/2018 23:52:07

    Siamo indietro, molto indietro, prendiamomone atto. Quando ci si diverte a far del male a degli esseri indifesi, sia che siano umani che animali, vuol dire che di strada da fare ce n'è ancora moltissima da fare prima di autoproclamarci una civiltà avanzata
  • primoeffe 21/01/2018 18:58:29

    Scaricare le proprie frustrazioni in quel modo dimostra quanta strada ancora c'è da percorrere verso un barlume di civiltà. Chi sa parli, solo punizioni esemplari possono " convincere" questa spazzatura umana a non ripetere queste azioni da veri " balentes".
  • figueras 21/01/2018 16:56:07

    esseri ignobili ,scarto della società ,prendervela con un gatto ...brutte me...de
  • T1999 21/01/2018 15:33:26

    Maledettiiiiiiiiiiiiiiii che possiate morire voiiiiiiiiiiii per questo che avete fatto a quel gatto innocenteeeeeeeeeeeeeeeee!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
  • user236714 21/01/2018 15:30:10

    Che intervengano il Sindaco ed il Prefetto. Che si fermino questi vigliacchi!!!
  • 7965giuseppe 21/01/2018 15:06:46

    Bastardi....riuscite a farla sempre franca, ma....prima o poi....senza pietà.