Cronaca » Oristano

Oristano, sequestrati duemila articoli "made in China"

Lunedì 18 Dicembre 2017 alle 16:16 - ultimo aggiornamento Lunedì 18 Dicembre 2017 alle 16:50


La caserma della Guardia di finanza (foto Elia Sanna)

Duemila articoli "made in China" sequestrati dalla Guardia di Finanza di Oristano perché privi dei requisiti di sicurezza e delle indicazioni a tutela dei consumatori.

Nel mirino delle Fiamme Gialle, un negozio di casalinghi e materiali elettrici della provincia, che metteva in vendita giocattoli, dispositivi per l’illuminazione, apparecchi elettrici, articoli per la cura della persona completamente privi di istruzioni in lingua italiana e prescrizioni per il corretto utilizzo.

Al termine degli accertamenti, i militari agli ordini del tenente colonnello Andrea Tauras hanno segnalato la titolare dell'attività, una 44enne cinese, residente a Cagliari, alla Camera di Commercio di Oristano.

Rischia una sanzione da 35mila euro.

(Unioneonline/l.f.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • Fisieddu 18/12/2017 17:33:45

    No rischia una sanzione da 35 mila euro, deve pagare! basta con queste cianfrusaglie cinesi.