Cronaca » Ruinas

A Ruinas e Villa Sant'Antonio ronde dei cittadini contro gli incendi

Giovedì 29 Giugno alle 13:45


Alcuni volontari

A Ruinas e Villa Sant'Antonio i cittadini hanno organizzato delle ronde contro gli incendi. E lo stesso presto potrebbe succedere anche a Mogorella.

Dopo i ripetuti roghi che hanno minacciato negli ultimi 15 giorni il territorio, mandando in cenere almeno 500 ettari, i sindaci non si sono limitati a dire: "C'è un disegno criminale contro la nostra zona".

Ma si sono rimboccati le maniche e hanno chiesto la collaborazione dei cittadini, che hanno risposto positivamente all'appello dei primi cittadini.

Da martedì a Villa Sant'Antonio e da ieri a Ruinas una trentina di volontari presidiano il territorio, in particolare boschi e campagne (dove ieri, al confine con Samugheo c'è stato un nuovo rogo), per segnalare qualsiasi movimento strano e ogni focolaio d'incendio.

I SINDACI - "Abbiamo fatto una riunione l'altra sera, molto partecipata - ha riferito il sindaco di Villa Sant'Antonio Fabiano Frongia - la popolazione si è subito dichiarata disponibile a un sistema volontario di monitoraggio del territorio. Servizio partito la mattina dopo, ovvero martedì".

La scorsa settimana fra Villa Sant'Antonio e Mogorella sono stati distrutti 400 ettari di sterpaglie, foraggio ma anche alberi da un incendio doloso, appiccato almeno in tre punti diversi.

Frongia ha aggiunto: "I cittadini volontari controllano il territorio soprattutto nelle ore di massima allerta, da mezzogiorno sino alle 17. C'è un punto d'osservazione sulla strada Provinciale ma poi ci spostiamo in altre zone ritenute strategiche".

LE RONDE - Anche i sindaci partecipano in prima persona alle ronde.

Come ad esempio Ester Tatti di Ruinas, che ha affermato: "Anche da noi un gruppo di cittadini si è reso disponibile a monitorare tutto il territorio comunale".

A Ruinas lavora una trentina di volontari, tra cui anche donne.

Qui i controlli sono scattati dopo una riunione martedì sera convocata dall'amministrazione con i cittadini.

Il sindaco di Mogorella Lorenzo Carcangiu ha concluso: "Stiamo valutando questa possibilità".

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • Entu 29/06/2017 17:09:32

    Bravissimi. Scommettiamo che ora si calmano?