Cronaca » Norbello

Norbello: successo della cena solidale con i migranti e avvio del progetto Mandela

Giovedì 16 Febbraio alle 18:55


Il campeggio di Norbello che ospita i migranti

Va in archivio con successo la cena solidale proposta sabato a Norbello dal Centro servizi sociali e dal suo Gruppo storico in collaborazione con le associazioni del paese.

Integrazione dunque perfettamente riuscita.

Duecentocinquanta le persone che vi hanno preso parte compresi i 90 migranti ospiti del campeggio comunale Nuraghe Ruju.

Una serata di festa tra condivisione di cibo, musica ed esperienze di vita. "Il momento più bello e toccante è stato quello che ha visto sfilare i migranti per nazionalità e che ha permesso di ascoltare, da ogni singolo gruppo, il canto del proprio inno nazionale.

L'emozione più grande è stata vissuta però dagli organizzatori quando anche loro hanno cominciato a cantare il proprio e hanno visto tutti i migranti alzarsi in piedi e ascoltare Fratelli d'Italia con la mano destra sul cuore.

E' stata la grande risposta dei migranti,spontanea e generosa, agli atteggiamenti di ostilità e di rifiuto che li hanno accolti e li circondano, anche in questo territorio", spiegano gli organizzatori.

Da registrare però una nota stonata: "E' mancata del tutto, purtroppo, la partecipazione dei sindaci attualmente in carica nel territorio - proseguono -.

Erano invece presenti altri del passato, che sono stati grandi protagonisti di numerose battaglie: Tomaso Sanna di Ghilarza, Antonio Frau di Sedilo e gli ex sindaci di Norbello Raffaele Manca e Silvio Manca".

E proprio a loro e agli operatori del campeggio sarà affidato il compito di coordinare una Consulta per l'elaborazione del primo progetto nazionale diretto a realizzare nelle strutture che accolgono migranti un percorso di integrazione e di democrazia partecipata, diretto a contrastare ogni genere di radicalismo: da quello religioso a quello ideologico, a quello sociale e culturale.

"All'elaborazione del Progetto Mandela , attraverso il tavolo della Consulta, potranno liberamente chiedere di partecipare anche tutti coloro che, in rappresentanza di istituzioni, di gruppi e associazioni, o anche individualmente, vorranno dare il proprio contributo", concludono dal Centro servizi sociali.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile.

3 commenti

  • Antoni3 16/02/2017 21:36:39

    Occupatevi dei giovani Sardi che stanno espatriando ,di questo nessuno ne parla .Non sapete creare lavoro per i Sardi ,e volete fare integrare i glandestini dandogli del lavoro che non c'é,e quel poco che abbiamo ,volete che siano loro a prenderlo cosi avrete riuscito la loro integrazione
  • alexander5 16/02/2017 19:38:55

    e ti credo che i sindaci non hanno partecipato; gli unici che hanno interesse a tutto questo sono le organizzazioni che lucrano su questo fenomeno; la strgrande maggioranza dei residenti non mi sembra voglia clandestini. E i sindaci che girano per i paesi non é che vanno contro la volontà popolare
  • Macomerese53 16/02/2017 19:24:51

    Commovente! 3