#CaraUnione » Milis

La lettera del giorno: "Caro Monsignor Viganò, ecco il pensiero di un parroco sardo"

Mercoledì 29 Agosto alle 06:50 - ultimo aggiornamento alle 11:26


Papa Francesco

Pubblichiamo oggi la lettera aperta di don Francesco Murana, Parroco di Milis, a monsignor Carlo Maria Viganò.

***

"Egregia Eminenza,

le scrivo dalle pagine di un giornale "di periferia"; quelle periferie tanto amate sia dal Signore (cresciuto a Nazareth, al suo tempo paesino di montagna) sia dall'attuale Pontefice, Papa Francesco.

Chi le scrive è un prete che ha studiato a Roma e che ha avuto molte possibilità di trovare uno spazio "comodo e adeguato" per imboscarsi in uno dei tanti uffici e dicasteri che l'enorme apparato della Curia Romana offre.

Ma ho scelto, già dal 1986, di andare nelle periferie della Sardegna, tagliandomi così le gambe ad ogni possibile "carriera".

Se il Signore vuole altro da me, inventerà Lui le strade perché io faccia altro e altrove.

In questi anni che sono trascorsi (32!) ho visto accadere di tutto dentro il clero. Sono rimasto fermo e zitto al mio posto cercando di dare. Ho gioito e gioisco perché abbiamo un Papa come Francesco.

È veramente umano e non è ipocrita (in senso greco! Non è attore, non recita il ruolo). È se stesso e - per quanto è sincero - talvolta scivola in linguaggi da parroco e - visto che io parroco lo sono - mi sento meno solo.

Lo sento vicino.

Invece, a Lei, la sento lontano.

A parte che dovrebbe accontentarsi di essere arrivato a settantasette anni e di aver fatto una vita più che comoda e riverita... Le chiedo: cosa vuole ancora? Io sono prete di campagna per scelta, ma crede davvero che non sia capace di vedere nelle sue accuse a Papa Francesco altri motivi ed altre intenzioni?

Lei accusa Papa Francesco di silenzio.

Ma si rende conto che Lei può essere accusato della stessa accusa, visto che si sveglia dopo cinque anni? Visto che ha dormito per cinque anni, nelle prossime undici pagine ci racconta di cosa ha sognato? Si vergogni.

Davanti a tutti noi preti che sputiamo sangue ogni giorno, in solitudine: voi giocate a fare i prelati, serviti e riveriti in tutto.

Così viziati di potere che non vedete altro, corrosi di gelosia per il troppo tempo a disposizione, mai sazi del ricevuto e sempre a guardare "i posti che contano" occupati dagli altri.

Son sicuro che Papa Francesco è capace di friggere un uovo e lavarsi i calzini da solo.

Di Lei no; di Lei ho solo la certezza che pur di cavalcare un suo capriccio fatto "per il bene della Chiesa" è capace di rivangare letame altrui.

Io sono nella Chiesa: cosa ha fatto Lei di bene per me e per i parrocchiani con cui vivo? Niente. In lingua sarda, Lei è un "imboddiosu": uno che prende una matassa che non è sua e fa nodi al filo; costringendo così la filatrice a perdere tempo nello scioglierli per continuare a tessere...

Il lavoro andrà avanti, ma avremo perso tempo grazie all'imboddiosu di turno.

Grazie a Lei abbiamo perso - per l'ennesima volta - faccia e tempo.

Guardando Lei mi voglio altro e altrove".

Don Francesco Murana, Parroco di Milis, Diocesi di Oristano

***

Potete inviare le vostre lettere e segnalazioni a redazioneweb@unionesarda.it specificando il vostro nome e cognome e un riferimento telefonico. Nell'oggetto dell'email chiediamo di inserire la dicitura #CaraUnione.

(La redazione si limita a dar voce ai cittadini che denunciano disservizi o anomalie e non necessariamente ne condivide il contenuto)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

32 commenti

  • user248094 31/08/2018 19:56:22

    Egregio Don Francesco Murana... Non saprei da dove iniziare a raccontare le malefatte del Clero...Ovvio ...nn bisogna fare di tutte le erbe un fascio...ma solo a pronunciare il nome di un prelato qualsiasi....alla gente vengono in mente le MALEFATTE nn le opere pie... Quanto a Monsignor Viganò probabilmente doveva denunciare subito...ma la colpa in tutti i casi sarebbe del Pontefice se nn avesse denunciato nn di Viganò...perchè per fare la morale al mondo bisogna essere puliti nn ricattabili...
  • Dublin5 30/08/2018 10:31:57

    In questi anni che sono trascorsi (32!) ho visto accadere di tutto dentro il clero. Sono rimasto fermo e zitto al mio posto... L'ultima visita del papa in Irlanda penso che non se la dimentichera' mai....migliaia di vittime di abusi,800 corpi di bambini sepolti sotto un istituto di suore.
  • danileski 29/08/2018 23:30:23

    ...Davanti a noi preti che sputiamo sangue tutti i giorni...ma mi faccia il piacere!
  • Peppa_Piga 29/08/2018 22:55:40

    MA non c'è già stato uno cui fecero le cose a sua insaputa? Con tutti gli scandali pedofilia nella chiesa non credo non sapessero di situazioni documentate o di voci di corridoio.... e che hanno sempre nascosto certi fatti scomodi e trasferito in altri luoghi i preti scomodi, il problema è che adesso le vittime e le fa,iglie non hanno più vergogna e taciono ma parlano e denunciano! Se ha fatto finta di non sapere ha semplicemente fatto quello che fecero i suoi predecessori...
  • Ietora 29/08/2018 21:10:22

    Ma qualcuno pensa veramente che nella parrocchia di Milis il parroco potrebbe avere vantaggi da questa sua lettera? Dovrebbero essere di più i sacerdoti che portano una ver testimonianza del Vangelo contro una Curia che di evangelico non ha nulla ormai da centinaia di anni. E Papa Francesco è uno degli ultimi testimoni di una chiesa che sta scomparendo...
  • user216525 29/08/2018 19:45:14

    Grazie don Francesco. Una voce che parla per tanti cristiani tra quelle di troppi farisei
  • user221651 29/08/2018 19:17:02

    Caro prete di campagna (politica) lei difende Borgoglio il più grande critico pubblico di tutti i Papi da GPII a BXVI. Cime spiega nei dicasteri gente come mons Ricca.tanto per fare nomi di un famoso predatore omosessuale stimatissimo da Borgoglio?
  • user233518 29/08/2018 18:25:43

    Non toccate il mio Papa,l’unico essere umano che salverei in questo marasma di gente che ignora il significato di umiltà, carità e condivisione Persone che convinte di avere diritti sui più deboli sanno manifestare solo odio e arroganza. D’altronde con certi elementi al governo che le istiga non si poteva arrivare che a questo. E sarà solo l’inzio Non era questo il mondo che volevo offrire ai miei figli
  • trucco 29/08/2018 18:15:34

    Caro don Francesco, ma lei il dossier lo ha letto? Temo di no e così ossequioso che si è premurato di scrivere una lettera di distinguo ma da cosa? Qui le lettere stanno a zero: il papa ha l'obbligo di dire se le circostanze dettagliate citate da Vigano' sono vere o false. Chi tace, acconsente.
  • user233518 29/08/2018 18:08:36

    Lasciate stare il mio Papa,l’unico essere umano nel vero senso della parola,che vorrei salvare in questo marasma di esseri che non conoscono il significato di parole quali umiltà,solidarietà e condivisione.Una massa di gente egoista che pensa di avere diritti sugli altri sono perché al governo c’ è qualche elemento che li istiga all’odio. Non era questo il mondo che volevo per i miei figli!!