Politica » Italia

Il Pd crolla in Toscana. M5S vince a Imola e Avellino

Lunedì 25 Giugno alle 07:08 - ultimo aggiornamento alle 14:43


Una cittadina al voto

Il secondo turno delle comunali ha travolto il Pd che perde le sue storiche roccaforti rosse della Toscana.

A prendere largo la Lega di Slavini, mentre il Movimento 5 Stelle si prende un paio di soddisfazioni conquistando Avellino, nonostante qui Nello Pizza del centrosinistra al primo turno avesse sfiorato il 49% e Imola, nel cuore dell'Emilia rossa.

In Toscana, a Massa, ha vinto il leghista Francesco Persiani sul candidato del Pd Alessandro Volpi, sindaco uscente.

Il centrodestra si afferma anche a Pisa: il nuovo sindaco è Michele Conti, scelto da Lega e Fdi e sostenuto anche da Forza Italia.

La terza sconfitta per il Pd è a Siena: il primo cittadino uscente Bruno Valentini è stato battuto da Luigi De Mossi, del centrodestra (pochi i voti di scarto).

Storica vittoria del centrodestra a Ivrea, capoluogo dell'eporediese, amministrato dal dopoguerra ad oggi ininterrottamente dal centrosinistra. Ribaltando l'esito del primo turno, che lo vedeva secondo con cinque punti di differenza, il candidato del centrodestra, Stefano Sertoli è il nuovo primo cittadino di Ivrea.

Pronostici smentiti in Sicilia. A Messina il candidato civico di area Udc, Caetano De Luca, si impone su quello del centrodestra, ribaltando il risultato del primo turno.

A Ragusa - città amministrata dai 5 Stelle negli ultimi cinque anni - il candidato grillino Antonio Tringali è stato battuto da Giuseppe Cassì, sostenuto da liste civiche e da Fdi.

A Siracusa Francesco Italia - del centrosinistra - batte Paolo Ezechia Reale del centrodestra.

(Unioneonline/s.a.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

6 commenti

  • LUVA61 25/06/2018 15:15:51

    "....A parte i suoi demeriti il PD ha sbagliato anche scegliendo Martina (personalitá zero) nella guida del partito..." Già ma poi come la mettiamo con vero segretario del (ex ormai ) partito ? La vera causa del crollo ( a rischio estinzione ) del PD è stato Renzi ,con le sue politiche scellerate che di sinistra non avevano niente, e dei suoi amici di merenda... oltre che logicamente la vecchia guardia Dalema, Veltroni, e compagnia cantante ... della serie quando la cura è peggio del male ...
  • WGrillo 25/06/2018 14:21:20

    povero Pd, ma quanto mi dispiace...
  • misteriosum 25/06/2018 12:50:45

    A parte i suoi demeriti il PD ha sbagliato anche scegliendo Martina (personalitá zero) nella guida del partito.Per cercare di riguadagnare consenso ci vuole un uomo forte,che abbia la personalitá di prendere le decisioni giuste, e che sappia far tacere i tanti galli che pullulano in quel pollaio di partito.
  • Pedron 25/06/2018 12:46:37

    Ma la Toscana di quel genio statista dal curriculum eccelso dell'ex segretario? nemmeno a casa sua lo capiscono, veramente un popolo bue e ingrato.
  • dadaolta 25/06/2018 10:07:32

    Calenda, pariolino d.o.c., ex assistente di Montezemolo alla Ferrari, sostenitore del turbocapitalismo più sfrenato e del defunto "Ttip" e, "last but not least", amicone di Lapo Elkann...è la Nuova Speranza della "Sinistra ZTL"! Roba da matti: chissà come si rivolta nella tomba il povero Enrico Berlinguer!
  • user234904 25/06/2018 07:56:04

    IL PD si è scavato la fossa da solo, dopo le leggi sul unioni civili, dopo che ci ha fatto invadere e fatta la politica dell'accoglienza degli immigranti. Sconfitta meritata, e ancora ne vedremo delle belle.