Politica » Italia

L'ambasciata di Berlino contro lo Spiegel: "Italia scroccona? Offendono un intero popolo"

Sabato 26 Maggio alle 20:19 - ultimo aggiornamento alle 21:22


Una delle vignette anti governo M5S-Lega, quella del Frankfurter Allgemeine Zeitung

La stampa tedesca, e non solo, spara a zero sul governo giallo-verde, quello a maggioranza Lega-5 Stelle.

Ed è proprio il professor Paolo Savona, economista sardo in lizza per il Mef, ad agitare il sonno dei teutonici, a causa delle sue posizioni considerate troppo anti-Euro.

Per la Frankfurter Allgemeine Zeitung il nostro Paese è un apecar in caduta libera, con il guidatore che fa il gesto dell'ombrello. Secondo il quotidiano tedesco, l'Italia vuole un "nemico della Germania" al governo.

La Bild paragona il professor Savona a Yanis Varoufakis, l'ex ministro greco, mentre il "Sueddeustche Zeitung" punta il dito sulle "pressioni" che Lega ed M5S stanno facendo sul Quirinale affinché dia l'ok alla presenza nel nuovo esecutivo del "radicale eurocritico".

Dall'altro lato dell'oceano è altrettanto critico il New York Times, che ha definito il premier incaricato Giuseppe Conte un "largamente sconosciuto" professore di diritto la cui qualità migliore è "la volontà di seguire i dettami dei leader di partito" Di Maio e Salvini.

Conte, Arlecchino tra Di Maio e Salvini, nella vignetta dell'Economist
Conte, Arlecchino tra Di Maio e Salvini, nella vignetta dell'Economist

Il titolo che desta più polemiche è quello dello Spiegel, che si è scagliato contro gli "scrocconi di Roma": "I mendicanti - si legge sul giornale - almeno dicono grazie, quando si dà loro qualcosa".

Parole molto criticate dall'ambasciatore italiano a Berlino, Pietro Benassi, che ha inviato allo Spiegel una nota: "La dialettica politica - scrive Benassi - appartiene alla libertà di stampa e al discorso democratico. Ciò che lascia un retrogusto pessimo è il modo in cui questa critica è indirizzata ad un intero popolo". Benassi parla di "strada pericolosa" per la dialettica in Europa. "Si tratta - conclude - di un sistema molto facile e seducente per eccitare gli animi. Ne è capace chiunque, ma è una strada pericolosa per condurre la dialettica in Europa. Alla fine ci sono solo perdenti".

"Giornali e politici tedeschi insultano - gli ha fatto eco Matteo Salvini -: italiani mendicanti, fannulloni, evasori fiscali, scrocconi e ingrati. E noi dovremmo scegliere un ministro dell'Economia che vada bene a loro? No, grazie!", dice il leader della Lega.

(Unioneonline/D)

L'Italia in ospedale, curata dal dottor Peste (Di Maio) e il dottor Colera (Salvini), nella vignetta del Suddeutsche Zeitung
L'Italia in ospedale, curata dal dottor Peste (Di Maio) e il dottor Colera (Salvini), nella vignetta del Suddeutsche Zeitung

 
Germania, duro attacco di Der Spiegel all'Italia: "Scrocconi aggressivi"

 
Caso Savona, Salvini: "Non tratto più". L'ultimatum di Di Maio: "24 ore per chiudere"

CONTE "IN DIFESA DEL POPOLO ITALIANO":

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

5 commenti

  • user238380 27/05/2018 15:50:32

    Mattarella parla di diktat quando Prodi e Ciampi accettarono quello vero di diktat nei confronti dell'Italia e cioè quello tedesco. La gente comune deve assolutamente rendersi conto che la causa di tutto è l'EURO! Una moneta creata ad arte allo scopo di favorire la Germania con la Francia a braccetto. Io vivo nel sud-ovest della Germania e vi posso garantire che stanno molto meglio di noi, ma molto, neanche ve lo immaginate. A sa fini fainti is merisi in domu allena!
  • ragilufe55 27/05/2018 10:52:12

    Bisogna ogni tanto ricordare il debito di guerra(e dei grandi crimini) che la Germania non ha mai pagato all'Italia e alla Grecia quindi gli scrocconi sono loro e anche arroganti e sicccome l'Italia è stata fautrice della formazione dell'UE e prima ancora della riunificazione delle due Germanie per lo meno sarebbero loro a dover dire grazie
  • user214759 27/05/2018 04:23:00

    Ha ragione Trump quando sostiene pubblicamente che la Merkel è solo capace di pretendere soldi dagli altri paesi della CE ma non di saldare i debiti che ha a livello mondiale. Pochi sanno che è anche la nazione europea maggiore debitrice di debito pubblico. I tedeschi, grazie a questa donna, sono CARICHI DI DEBITI, secondo la Bundesbank, il debito pubblico tedesco ammonta complessivamente a 2.184 miliardi di euro mentre l'Italia è a quota 716 miliardi e la Francia 1.165 miliardi.
  • user216558 27/05/2018 01:31:22

    A questo punto forse e' da valutare un eventuale itaxit!Spero di no ma si intravede una rottura insanabile coi partner europei!L'Italia sempre e comunqque col capo chino ed il sombrero in mano come i peones non mi sta piu' bene!! Riappropriamoci del nostro futuro e del nostro orgoglio come popolo e non abbassiamo il capo davanti all'arroganza ed all'egemonia di certi "partner" sanguisughe che con la scusa dei conti da mantenere alla fine fanno sempre i loro tornaconti
  • trabant 26/05/2018 22:11:31

    Il problema dei crucchi è quello dei propri confini,non bastano mai.Hanno da sempre uno spasmodico desiderio di ingrandirsi,di conquistare,di dominare.In passato hanno provato con2guerre mondiali e ora che la guerra si gioca sui mercati finanziari vogliono sottomettere e dominare sul quel campo.Spiegel dovrebbe scrivere come mai i crucchi sforano sull’export da quasi10anni,affossando di conseguenza le altre economie eurozona in barba ai regolamenti europei.hanno perso 2 guerre, perderanno ancora