Pagine Sarde Logo 
Lo cerchi in Sardegna? Lo trovi su Pagine Sarde!
PagineSarde.it
Diminuisci grandezza testo Aumenta grandezza testo Stampa l'articolo Segnala ad un amico RSS Delicious Facebook

Roma, il regista Lizzani si è suicidato
Un tragico volo dal terzo piano

Roma, il regista Lizzani si è suicidato Un tragico volo dal terzo piano La scientifica nel palazzo dove è avvenuta la tragedia

Il regista aveva 91 anni. Ha firmato capolavori del Grande schermo come "Cronache di poveri amanti", "Achtung banditi" e "Mussolini, ultimo atto".

Il regista Carlo Lizzani si è suicidato, lanciandosi nel vuoto, dal terzo piano di un palazzo nel centro di Roma. Lizzani aveva 91 anni.

Lizzani, che si è tolto la vita ieri a Roma, era nato nella capitale il 3 aprile 1922. E' stato un regista, un critico, un documentarista con una grande passione per la storia e la politica. Storia che lui stesso aveva vissuto in pieno, non a caso la sua autobiografia uscita nel 2007 da Einaudi si intitolava "Il mio lungo viaggio nel secolo breve"(Einaudi, 2007). Tanti i suoi film celebri da Achtung Banditi! del '51 a Cronache di poveri amanti, Il gobbo, Banditi a Milano, Mussolini ultimo atto, Fontamara, Caro Gorbaciov. E anche le sue opere televisive come Mamma Ebe, Il caso Dozier, Le cinque giornate di Milano, Maria José, Celluloide. Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al merito della Repubblica Italiana, è stato direttore della Mostra del cinema di Venezia dal 1979 al 1982. Nel 1998 pubblicò la raccolta di suoi scritti di vario genere Attraverso il Novecento, ricca di aneddoti sulla stagione del neorealismo. Nel dicembre del 1999 ha ricevuto dall'Università di Torino la laurea "honoris causa" in Scienze della comunicazione. A settembre, convalescente per una caduta, non riuscì ad essere presente alla Mostra del cinema di Venezia dove tra i documentari di Venezia Classici veniva proiettato 'Non eravamo solo... Ladri di biciclette. Il neorealismò di Gianni Bozzacchi. Più volte aveva annunciato di voler fare un film, L'orecchio del potere, tratto da un romanzo di Giulio Andreotti (Operazione Via Appia, Rizzoli, 1998), per il quale era stato indicato come protagonista Al Pacino.

 
loading
loading
Edicola de L'Unione Sarda