Cronaca » Provincia di Caserta

Picchiata, violentata, marchiata a fuoco: l'atroce storia di una donna di 46 anni

Martedì 11 Settembre alle 18:07


Immagine simbolo

Picchiata, violentata e addirittura marchiata a fuoco dal compagno violento.

È l'incubo vissuto da una donna di 46 anni, che dal 2017 era vittima di abusi di ogni tipo da parte di un 25enne di origine rumena, Roman Catalin.

Teatro dell'atroce vicenda, la città di Caserta.

Qui si è consumato l'ultimo atto del dramma, con la donna che è stata rinchiusa in casa dal suo aguzzino per tre giorni, pestata e stuprata a più riprese.

Quando la 46enne si è presentata in pronto soccorso, accompagnata dai figli avuti da un precedente matrimonio, i medici, di fronte a contusioni, fratture e a un'ustione sul fianco, imposta, sembra, con un forchettone arroventato, hanno dato l'allarme.

Agli agenti che hanno raccolto la sua testimonianza, la donna ha raccontato altri sconvolgenti dettagli delle vessazioni subite.

I calci, i pugni, le bruciature, gli abusi sessuali. Ma anche l'essere costretta a fare docce fredde e ad assumere droghe.

Accertati i fatti, il 25enne è stato immediamente rintracciato e arrestato.

(Unioneonline/l.f.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

6 commenti

  • rosalux 12/09/2018 13:56:45

    Prometeo59, ci sono donne che hanno paura di rivolgersi alla polizia a causa di una possibile reazione ancora più violenta del proprio "caro". Molte però stanno denunciando le violenze subite, ma non serve quasi a nulla. Ai delinquenti danno i domiciliari, ma solo dopo tante denunce, oppure, quando va bene, qualche mesetto di galera. Insomma, le donne non vengono difese da nessuno.
  • user230326 12/09/2018 13:05:16

    Per fortuna non sono figlio di questa povera donna, sarei gia in carcere. Non aggiungo altro.
  • Prometeo59 12/09/2018 10:29:36

    MA PERCHè LE DONNE NON SI RIVOLGONO ALLA POLIZIA? e POI SI OFFENDONO PERCHè SONO DEFINITE"IL SESSO DEBOLE"...
  • Prometeo59 12/09/2018 09:35:47

    I rumeni non sono tutti delinquenti. Molti fanno un lavoro onesto e vivono in pace integrati. Purtroppo molti delinquono e non è un caso che molti di loro vengano in Italia per sfuggire alla giustizia del loro paese. Mia moglie e mio figlio sono rumeni ma sono due persone d'oro.
  • Chiara_71 11/09/2018 19:39:48

    Leggendo questi orrori indicibili si vorrebbe che fossero finti invece purtroppo gli esseri disumani esistono
  • rosalux 11/09/2018 18:34:48

    Dio mio! Un fatto così atroce si commenta da solo. Vorrei però aggiungere che se disgraziatamente dovesse passare la legge di quel Pillon questi fatti aumenterebbero a dismisura.