Cronaca » Sardegna

Termina la raccolta firme per l'insularità in Costituzione: "Grande entusiasmo"

Domenica 09 Settembre alle 14:53 - ultimo aggiornamento alle 15:29


"Sulla battaglia per l'insularità abbiamo visto un grande entusiasmo da parte di tanti sardi in tutta l'Isola. Un risultato che va ben oltre le aspettative. Dobbiamo terminare gli ultimi calcoli, ma dovremmo aver superato le 60mila firme".

Così Michele Cossa, del Comitato Promotore Insularità in Costituzione, riguardo la battaglia portata avanti proprio dalla sua organizzazione affinché il principio di insularità venga riconosciuto alla nostra Terra.

Con la chiusura della raccolta avvenuta non solo in Sardegna, ma in diverse regioni d'Italia, si potrà presentare la proposta in Senato il 26 settembre.

Sulla stessa lunghezza d'onda Stefano Maullu, europarlamentare di Forza Italia: "Siamo alle battute finali di un processo che garantirà giustizia a coloro che vorranno arrivare, o rientrare, nell'Isola per i più svariati motivi. Speriamo possano farlo al più presto in condizioni normali".

La raccolta è stata possibile grazie anche ai banchetti organizzati dalle associazione degli emigrati e all'impegno di diversi volontari.

(Unioneonline/M)

 
roberto frongia
Insularità, "una battaglia vitale per le prospettive della Sardegna"

 
la raccolta firme ai giardini zumaglini di biella
Insularità nella Costituzione, nel Biellese raccolte oltre 500 firme

 
Insularità, il 9 settembre si chiude la raccolta firme: "Grande successo"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • user240269 10/09/2018 01:54:53

    La vera battaglia é liberarci dai venditori di fumo