Cronaca » Olbia

Due turisti travolti e uccisi tra Cugnana e Portisco

Venerdì 31 Agosto alle 08:36 - ultimo aggiornamento alle 12:24


I carabinieri sul posto

Si aggrava il bilancio dell'incidente avvenuto alle prime ore del giorno sulla provinciale 59, tra Cugnana e Portisco, la strada che conduce a Porto Cervo.

Due turisti francesi di circa 30 anni sono stati travolti da un Fiat Freemont: il primo è morto sul colpo, il secondo dopo essere arrivato in ospedale.

Da una prima ricostruzione, i giovani avevano trascorso la nottata in una discoteca della zona per poi fare rientro stamattina in taxi.

Nel tragitto, uno dei due si è sentito male, quindi l'autista si è fermato. Sceso dal mezzo e raggiunto il ciglio della strada, il turista è stato investito, e insieme a lui anche l'amico.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri del Reparto territoriale di Olbia.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

3 commenti

  • Mauriotto 01/09/2018 10:32:04

    L'Investitore se li è trovati di fronte erano immezzo alla strada completamente ubriachi che litigavano, questo secondo le ultime notizie divulgate dai media, verrà senza ombra di dubbio assolto
  • rosalux 31/08/2018 22:23:06

    Poveri giovani. Eppure sono stati previdenti, perché hanno preso un taxi. Credo che l'investitore passerà un brutto quarto d'ora...
  • Alfie 31/08/2018 13:32:10

    Le discoteche sono "pericolose".