Cronaca » USA

Pedofilia nella Chiesa in Pennsylvania, la Santa Sede: "Dolore e vergogna"

Venerdì 17 Agosto alle 07:12 - ultimo aggiornamento alle 14:26


Il Vaticano

"Due sono le parole che possono esprimere quanto si prova di fronte a questi orribili crimini: dolore e vergogna".

La Santa Sede ha commentato duramente il dossier sulla pedofilia reso pubblico in Pennsylvania: 1.300 pagine che descrivono due anni di indagini sugli abusi sessuali compiuti in sei delle otto diocesi dello Stato nordamericano con oltre 300 sacerdoti coinvolti e mille minori che hanno subito abusi per 70 anni, nel totale silenzio di chi doveva vigilare su di loro.

"La Santa Sede considera con grande serietà il lavoro compiuto dall'Investigating Grand Jury della Pennsylvania e il lungo Interim Report da esso prodotto", afferma il portavoce Greg Burke, condannando "inequivocabilmente" l'abuso sessuale su minori."Gli abusi descritti nel rapporto sono penalmente e moralmente riprovevoli", precisa il portavoce.

Atti che "hanno tradito la fiducia e hanno rubato alle vittime la loro dignità e la loro fede".

"Non avendo quasi trovato casi dopo il 2002 - prosegue - le conclusioni del Grand Jury sono coerenti con precedenti studi che hanno mostrato come le riforme fatte dalla Chiesa Cattolica negli Stati Uniti hanno ridotto drasticamente l'incidenza degli abusi commessi dal clero", spiega Buerke, assicurando che la Santa Sede incoraggia "costanti riforme e vigilanza a tutti i livelli della Chiesa Cattolica per garantire la protezione dei minori e degli adulti vulnerabili".

"Il Santo Padre - conclude - comprende bene quanto questi crimini possano scuotere la fede e lo spirito dei credenti e ribadisce l'appello a fare ogni sforzo per creare un ambiente sicuro per i minori e gli adulti vulnerabili nella Chiesa e in tutta la società".

(Unioneonline/D)

 
Pennsylvania, un rapporto mette sotto accusa oltre 300 sacerdoti per pedofilia

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

4 commenti

  • user235835 17/08/2018 23:02:03

    Tutti alla gogna , uno a uno
  • Giano 17/08/2018 14:13:44

    Dichiarazioni vaghe e astratte; più attenti alle statistiche e l’aspetto giuridico e penale, che all’aspetto morale. Quando i casi di pedofilia all’interno della chiesa sono di queste dimensioni non basta cavarsela con “dolore e vergogna”. Dovreste fare quello che dice il Vangelo; appendervi una macina da mulino al collo e gettarvi in mare. Dovreste essere di esempio al mondo e siete, invece, la parte più spregevole e marcia dell’umanità. Non ci sono scusanti. E Bergoglio pensa ai migranti.
  • user226822 17/08/2018 12:19:29

    La chiesa dovrebbe rivedere le basi su cui è fondata. I preti se è vero, non hanno fatto voto di castità e allora che si sposino ma non continuino a soffrire per repressione. Maniaci e pedofili sparirebbero. Se poi non sarebbe più la stessa chiesa chi se ne frega!
  • user240269 17/08/2018 09:44:45

    I membri di quella che dovrebbe essere una delle principali istituzioni moraliste, anche sui comportamerti sessuali, sempre più spesso al centro di orrendi scandali che li vede colpevoli degli atti sessuali più immorali che si possano immaginare. Immaginare che possono aver commesso su tanti altri fronti azioni estremamente immorali viene spontaneo, sapendo che riescono spesso e volentieri a mettere in atto il contrario di quello che predicano.