Cronaca » Provincia di Napoli

Dopo l'Italia anche Spagna e Malta dicono no all'Aquarius

Lunedì 13 Agosto alle 17:12 - ultimo aggiornamento alle 22:03


I migranti a bordo dell'Aquarius. (Foto Ansa)

Dopo il no italiano all'approdo della nave Aquarius con a bordo i 141 migranti salvati nei giorni scorsi, anche Spagna e Malta alzano un muro contro le organizzazioni umanitarie di Medici Senza Frontiere e Sos Mediterranee.

"Abbiamo appena raggiunto una posizione di standby esattamente tra Malta e l'Italia - commentano gli operatori della nave - Restiamo in attesa di ulteriori indicazioni".

Intanto, l'Unione europea è intervenuta ufficialmente nella vicenda per voce della portavoce della Commissione sul tema migranti Tove Ernst: "L'Ue è pronta al massimo impegno diplomatico per arrivare a una soluzione rapida ed è in contatto con diversi Stati membri che si sono rivolti a Bruxelles per lo stallo della nave Aquarius".

Fuori dal coro, invece, il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, che dichiara la disponibilità ad accogliere la nave Aquarius: "Mentre in queste ore il ministro dell'Interno mostra i muscoli da bullo istituzionale, coperto da un Governo che denota cinismo istituzionale sulla pelle dei più deboli, forse senza precedenti nella storia repubblicana, e mentre la magistratura ancora cerca i circa 50 milioni che la Lega avrebbe sottratto agli italiani, 141 migranti, tra cui molte donne e molti bambini, da giorni vagano in mezzo al mare perché i porti italiani per decisione del Governo sono ancora chiusi. Noi ribadiamo con forza la nostra disponibilità ad accoglierli, in questa settimana di Ferragosto, proprio quando molti governanti sono in vacanza, noi siamo pronti sempre e sarò in prima fila ad abbracciarli nel porto di Napoli".

Lo stesso atteggiamento, peraltro già dimostrato in passato, avuto poco prima dal sindaco di Barcellona Ada Colau, subito smorzato dal Governo di Madrid: "In questo momento la Spagna non è il porto più sicuro né il più vicino".

(Unioneonline/b.m.)

SALVINI: "VADA OVUNQUE, NON IN ITALIA"

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

5 commenti

  • Utente_US 14/08/2018 07:38:42

    No Alpitour?!
  • mariusIOAN 13/08/2018 21:56:21

    Mă non sarebbe meglio e più rispettoso della vera cronologia dei fatti un titolo come: "Dopo Malta e Spagna anche l'Italia dice no all'Acquarius"!? Perché ancor prima, molto prima dell'Italia, furono per anni il Malta e la Spagna a rifiutarsi sistematicamente di aprire i loro porti a clandestini....
  • ienaridens 13/08/2018 20:45:44

    concordo con @Lando65
  • sadam 13/08/2018 19:50:13

    Deve salvare i p-idioti artefici di tutta questa baraonda e cerca di salvarsi parlando dei milioni della lega. De Magistris bisogna parlare delle decine di milioni spariti, i milioni versati dai cittadini per i terremotati e mai arrivati a destinazione
  • Lando65 13/08/2018 19:34:42

    Il sindaco buonista di Napoli può portarseli tutti a casa sua se proprio vuole fare lo splendido,per la gioia dei suoi concittadini.