Cronaca » Sardegna

Sardegna, uno spiraglio per gli ergastolani che non hanno mai fruito di permessi

Sabato 14 Luglio alle 16:02 - ultimo aggiornamento alle 16:35


L’interno del carcere di Massama, dove è detenuto Mario Trudu

Si profila una speranza per gli ergastolani sardi che, come Mario Trudu, detenuto da 40 anni, attualmente nel carcere di Massama, non hanno mai potuto fruire di un permesso.

Lo sostiene Maria Grazia Caligaris, presidente dell'associazione Socialismo diritti e riforme, ricordando come con una recente sentenza la Consulta ha sancito l'incostituzionalità dell'articolo che nega la possibilità di accedere a qualsiasi beneficio penitenziario ai condannati all'ergastolo.

"La recentissima sentenza della Corte Costituzionale, presieduta da Giorgio Lattanzi - osserva Maria Grazia Caligaris - non solo afferma il principio che i benefici costituiscono la necessaria graduale risposta al percorso di cambiamento iniziato dal detenuto, pur se colpevole di un grave reato, ma valorizzano anche il lavoro che il sistema penitenziario mette in atto per ristabilire un corretto rapporto tra la società e chi si è macchiato di una grave colpa. Negarli quindi significa mortificare l'impegno quotidiano degli operatori penitenziari".

Per la presidente dell'associazione umanitaria, il caso di Mario Trudu, nato ad Arzana nel 1950, in carcere dal 1979, diplomato all'Istituto d'Arte di Spoleto, autore di due libri, è emblematico.

Finora infatti non ha potuto fruire di alcun beneficio e con l'età vive una condizione di salute difficile.

"L'unica concessione del Dap, il dipartimento penitenziario, è stato il suo trasferimento, dopo diverse istanze con esito negativo, nel Carcere di Oristano-Massama - ricorda Calligari - l'auspicio è che il pronunciamento della Consulta si applichi a tutti i casi previsti, come quello segnalato, ma che diventi anche un'occasione di dibattito sereno sulla funzione propria del "fine pena mai", se possa essere uno strumento utile per la società e perfettamente in linea con quanto stabilisce la Costituzione".

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

3 commenti

  • Utente_US 16/07/2018 00:10:09

    Cosa ne penserebbero le vittime?
  • wing1250 15/07/2018 10:26:01

    e questa sarebbe una buona notizia?
  • user216525 14/07/2018 17:07:08

    Qualche giorno fa è stato, rimesso in libertà uno degli assassini della UNO BIANCA. Dicono che si sia pentito. Non so che cosa abbia portato Trudu in carcere ma quaranta anni dovrebbero essere ssufficienti non solo per un permesso ma per considerare estinta la pena.