Cronaca » Ungheria

Migranti, la mossa di Orban: il divieto di accoglienza entra in Costituzione

Martedì 19 Giugno alle 15:06


La nuova mossa annunciata da Viktor Orban contro l'accoglienza dei migranti è di vietarla per Costituzione.

Il premier ungherese a cui piace Salvini - e che piace al leader del Carroccio - inserirà nella Carta Costituzionale il divieto di accoglienza dei migranti economici "illegali".

Il pacchetto di riforme costituzionali ha incassato il via libera dalla commissione parlamentare, e per domani è previsto il voto del Parlamento ungherese, in cui Orban gode di una maggioranza schiacciante.

Altri provvedimenti in via di approvazione da parte del premier punto di riferimento dell'ultradestra europea sono la limitazione del diritto di manifestazione e il divieto di dimora in luoghi pubblici dei senzatetto.

La Costituzione, ha aggiunto Orban, "conterrà nel futuro l'obbligo di difendere la cultura cristiana"

Il provvedimento ungherese è un ulteriore modo per contrastare l'introduzione di quote obbligatorie di accoglienza.

Proprio ieri il presidente della Camera Roberto Fico aveva chiesto di multare l'Ungheria che continua a rifiutare le quote Ue di migranti, ma l'uomo che in Europa strizza più l'occhio a Viktor Orban è proprio il nostro ministro dell'Interno.

Un Salvini contraddittorio? No, perché al di là delle richieste di aiuto e collaborazione ai Paesi Ue, l'obiettivo del leader del Carroccio sembra essere quello del premier ungherese: serrare le fila, chiudere i porti, difendere le frontiere, non farne entrare più di migranti, e non suddividerli equamente tra gli Stati europei.

(Unioneonline/L)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

9 commenti

  • user237027 20/06/2018 11:46:12

    Avanti così , spero si uniscano anche Austria e Spagna
  • Prometeo59 20/06/2018 10:27:47

    Sono sconvolto dai commenti.
  • semur 20/06/2018 07:58:03

    SpartacusVin libero di andarci.
  • shellerau 19/06/2018 21:54:36

    TA LASTIMA... non vedo proprio nulla di male nel difendere i propri confini, le proprie tradizioni e le proprie radici.....speriamo che il Nostro Ministro agisca in questo senso
  • user240737 19/06/2018 21:23:24

    Ti auguro di trovare tanti Orban nella tua vita, in condominio, in ristorante, in un tuo viaggio, a lavoro ecc. A volte basta poco per sentire come ci si sente da respinti. Oppure magari lo hai già trovato e da buon represso ti sfoghi come vorresti fare con gli altri ma non puoi.
  • EnterSardman 19/06/2018 19:44:59

    Puoi sempre andarci SpartacusVin
  • user240725 19/06/2018 19:37:29

    SpartacusVin prima di comparare l'Ungheria all'Italia dovresti almeno viverci e non basarti solo su quello che leggi su internet. La cultura Cristiana in Ungheria poi è stata imposta con un trattato di protezione da parte dello stato pontificio ed il Rè Vajk (che di Cristiano aveva niente). I migranti non si fermano in Ungheria poichè il nostro reddito pro capite è veramente basso. Orban fà molto populismo anti europeista ma poi prende vagonate di EURO dalla EU.
  • Chiara_71 19/06/2018 19:24:14

    Ma Salvini ha sempre detto che i profughi veri sono ben accetti in Italia, ma non i clandestini quindi la chiusura dell'articolo non è corretta. Secondo me ogni paese ha il diritto di difendere la propria cultura a proprio piacimento. Far calpestare i propri valori non ha niente a che vedere con la tolleranza, l'inclusione e il rispetto del diverso che sono basi della democrazia. Rispettare la diversità di culto non significa rinunciare al proprio a parer mio
  • SpartacusVin 19/06/2018 17:08:11

    che paese meraviglioso, magari fossimo così in italia