Cronaca » Provincia di Verona

Farah, 18enne di Verona riportata in Pakistan: si teme un nuovo caso Sana

Giovedì 17 Maggio alle 14:01


Ancora un amore occidentale negato per una ragazza pakistana che risiede in Italia, per la precisione a Verona. Un nuovo caso Sana, la 25enne di Brescia uccisa in Pakistan dal papà e dal fratello, e la speranza è che non finisca allo stesso modo.

Farah ha 18 anni, vive a Verona dove frequenta l'ultimo anno di un istituto professionale.

Stando a quanto denunciato dai suoi compagni di classe e riportato sulle pagine del quotidiano L'Arena, Farah è stata riportata in Pakistan dai familiari e costretta ad abortire con la forza. Aspettava un bambino che sarebbe nato tra qualche mese, frutto della relazione con un ragazzo italiano e che i due avevano deciso di tenere nonostante la giovane età.

Farah ha scritto al fidanzato e alle sue amiche di scuola su Whatsapp, i messaggi inviato sono drammatici: "Mi hanno fatto una puntura e hanno ucciso il mio bambino. Mio padre vuole che mi sposi qui". E ancora: "Mi hanno sedato, legato a un letto e costretto ad abortire".

E stando alle testimonianze dei ragazzi i rapporti tra Farah e familiari non sono proprio idilliaci, tanto che l'anno scorso la 18enne avrebbe denunciato il padre per maltrattamenti.

Sul caso indaga la Digos.

(Unioneonline/L)

 
l arresto del pap e del fratello di sana
Sana, il papà mostra agli inquirenti la sciarpa con cui l'ha strangolata

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • nopagoafitto 18/05/2018 11:29:25

    User, la risposta alla tua domanda è ovviamente no. Queste PERSONE non si vogliono integrare, e in questo hai perfettamente ragione, poi però sfarfalli e cominci a scrivere cose senza senso quando ti metti a parlare di "genti". Tra queste "genti" da te citate, esistono PERSONE che si vogliono integrare e altre PERSONE che non si vogliono integrare. Non si capisce però come mai le colpe di queste ultime dovrebbero ricadere anche sulle prime, buttando tutti nel medesimo calderone. Me lo spieghi?
  • user219208 18/05/2018 09:30:34

    Queste sono le persone che si vogliono "integrare"?? Questa è la dimostrazione che queste genti vengono in Italia solo per sfruttarci! Sfruttare la nostra sanità, il nostro welfare, la nostra società solo per le cose che convengono, di fatto però mantenendo i piedi in 2 staffe. Da un lato comodità e agi moderni occidentali, dall'altro la loro cultura e religione ferme al Medioevo! Vengono qua solo per fare i loro comodi ma senza pensare davvero di integrarsi e accettare i ns usi costumi e LEGGI