Cronaca » Svizzera

Tragedie ad alta quota: morti 5 escursionisti sulle Alpi svizzere e 2 sulle Dolomiti

Martedì 01 Maggio alle 08:56 - ultimo aggiornamento alle 14:04


Sono tutte italiane le cinque vittime della tragedia avvenuta ieri sulle Alpi svizzere, tra la Pigne d'Arolla e il Mont Collon, dove un gruppo di 14 escursionisti è stato travolto da una tempesta prima di riuscire a raggiungere il rifugio, dove avrebbe dovuto passare la notte di domenica.

Oltre alla guida alpina Marco Castiglioni di 59 anni, comasco ma residente in Svizzera, le altre tre vittime sono originarie di Bolzano: Elisabetta Paolucci, 44 anni, Marcello Alberti, 53, e sua moglie Gabriella Bernardi, 52.

Ancora ignota l'identità della quinta persona deceduta.

Secondo quanto riportato dalla polizia del Canton Vallese altri tre escursionisti sono in fin di vita, a causa del grave stato di ipotermia.

Il gruppo - composto da alpinisti italiani, francesi e tedeschi - ha passato la notte di domenica all'adiaccio sull'Haute Route Chamonix-Zermatt. Nella mattinata di ieri sul luogo sono sopraggiunti i soccorsi, ma per cinque escursionisti non c'è stato nulla da fare.

***

Altra tragedia in quota. Questa volta a Belluno, dove due giovani scialpinisti, che appartengono al Soccorso alpino Dolomiti bellunesi, sono morti questa mattina sull'Antelao.

Si tratta di Enrico Frescura, 30 anni, del Soccorso alpino di Pieve di Cadore, e Alessandro Marengon, 28 anni, del Soccorso alpino del Centro Cadore, tutti e due di Domegge di Cadore, nel Bellunese.

Il video dei soccorsi a un incidente avvenuto poco distante dalla tragedia

(Unioneonline/F)

 
Tragedia sulle Alpi: 4 escursionisti perdono la vita

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

2 commenti

  • Giano 01/05/2018 19:45:17

    Fossero rimasti a casa sarebbero ancora vivi. Ma si sa, la montagna è bella, ampi spazi, paesaggi meravigliosi, aria pura. E poi a casa ci si annoia; bisogna distrarsi, cercare l'avventura, il pericolo, il rischio, l'adrenalina. Giusto.
  • Voxpopoli 01/05/2018 10:52:28

    R.I.P.