Cronaca » Provincia di Roma

Roma, muore per un aneurisma ma per i medici era una lombosciatalgia

Lunedì 23 Aprile alle 13:09


Nel riquadro la donna. Il pronto soccorso dell'ospedale romano

È morta a causa di un aneurisma all'aorta addominale, Daniela Sabbatini, 49enne romana. Ma per i medici della Capitale si trattava di una banale lombosciatalgia.

I DOLORI - La donna da giorni accusava dolori ai reni e alla gamba sinistra, ma al Policlinico Casilino di Roma le hanno diagnosticato un semplice mal di schiena. "Poteva salvarsi - racconta la sorella Annamaria al Corriere della Sera -. Invece è morta fra dolori lancinanti e sola. Il suo calvario è iniziato il 18 marzo - spiega -. Da giorni Daniela aveva lievi dolori a reni e gamba sinistra, ma siccome anni fa era stata operata di ernia non si era preoccupata troppo. Il medico di famiglia le aveva prescritto solo la tachipirina".

IL TRAGICO EPILOGO - La 49enne il 18 marzo si reca al Policlinico una prima volta ma viene rimandata a casa. Dopo 24 ore la situazione però precipita: "L'avevo vista la mattina, il dolore era sopportabile - racconta ancora la sorella Annamaria -. Ma la sera mi ha telefonato mio padre: avevano chiamato un'ambulanza perché Daniela si contorceva e sudava tantissimo: l'abbiamo cambiata tre volte".

Sono ore terribili per la paziente. Fino a quando i medici avvisano la famiglia che la donna ha "un aneurisma addominale, con un inizio di ischemia celebrale e addensamento di sangue nei polmoni. C'erano pochissime speranze. Le avevano trovato anche una neoplasia ai polmoni, ma dissero che era l'ultimo dei problemi".

Alle 18.35 del 20 marzo Daniela muore.

I famigliari hanno chiesto l'autopsia, il referto sarà pronto il 5 maggio.

(Unioneonline/s.a.)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • ienaridens 23/04/2018 16:53:34

    il dolore dei familiari è comprensibile ma anche i medici son umani e non si tratta di errori sempre prevedibili. e spesso nemmeno di errori..il fatto è che prima o poi si muore.