Cronaca » Provincia di Lucca

Lucca, bullismo contro il prof: bocciati tre dei sei ragazzi indagati

Sabato 21 Aprile alle 08:30 - ultimo aggiornamento alle 22:15


Un frame del video girato dagli studenti

La polizia ha effettuato delle perquisizioni nei confronti dei sei studenti dell'istituto tecnico per il commercio "Francesco Carrara" di Lucca, ritenuti responsabili, a vario titolo, degli episodi di bullismo, filmati e diffusi in rete, nei confronti del loro professore d'italiano.

Le forze dell'ordine hanno sequestrato gli indumenti indossati dai ragazzi nei video, i loro cellulari e il casco da moto utilizzato per colpire l'insegnante.

Tutti e sei gli studenti risultano indagati dalla procura di Firenze con le accuse di violenza privata e minacce gravi per aver rivolto offese e insulti a un insegnante dopo che uno degli allievi aveva ricevuto un brutto voto.

Dovranno rispondere anche del tentato di furto del tablet contenente i dati scolastici, che uno di loro aveva provato a sottrarre.

BOCCIATI 3 BULLI - Ieri il consiglio di classe dell'Itc aveva proposto un periodo di sospensione da scuola tale da comportare la bocciatura automatica a fine anno per cinque degli studenti al centro del caso.

Oggi il consiglio d'istituto ha valutato di confermare i provvedimenti per tre di loro, mentre per gli altri due è stata disposta la sospensione con ammissione agli scrutini.

Secondo quanto reso noto dal preside dell'Itc Cesare Lazzari, nel corso della riunione, avvenuta ieri, sono stati sentiti alcuni dei ragazzi coinvolti e i genitori di cinque di loro.

I VIDEO DEGLI EPISODI DI BULLISMO:

(Unioneonline/F)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

5 commenti

  • rosalux 22/04/2018 10:53:49

    E' il minimo che potessero fare. Però ciò che sorprende è il fatto che queste nauseabonde vigliaccate siano avvenute non in un centro povero e dimenticato da Dio, ma a Lucca. Città bellissima e ricchissima in tutti i sensi: storia, arte, soldi, ecc.. Questi sciagurati ragazzotti probabilmente sono stati schifosamente viziati dai loro genitori, abituati ad aver tutto e a non essere contrastati in nulla. Forse non sarebbe male che anche ai genitori venisse data una severa lezione.
  • AngelsEgg 22/04/2018 10:32:32

    Finalmente vedo dei provvedimenti seri da parte della scuola e un'applicazione adeguata della legge! Speriamo che sia di monito per i piccioccheddusu di oggi... quando avevo la loro età e frequentavo le superiori tanto di rispetto ai professori oltre ad avere la paura di prendere calci nel c... dai miei genitori... Una nota di merito al professore che si è comportato nel miglior modo possibile, ha avuto sangue freddo, io non c'è l'avrei fatta...
  • Astronauta 21/04/2018 23:13:25

    Fosse per me li butterei in carcere e butterei via la chiave.
  • user237832 21/04/2018 11:06:10

    prevedo un bel risarcimento danni da parte dei genitori di questi sprovveduti
  • user224103 21/04/2018 10:09:06

    Evviva, finalmente la "macchina dormiente" s'è messa in moto. Speriamo che questi episodi servano a ricordare che dove c'è gente ci devono essere necessariamente regole e paletti. Nella libertà di scelta c'è responsabilità e, conseguentemente, assunzione di colpe laddove esistenti. Basta con il buonismo perpetuo a 360°.