Cronaca » Tempio Pausania

Olbia, perquisita la sede della Nuova Sardegna: "Attacco alla nostra libertà"

Mercoledì 28 Marzo alle 10:05 - ultimo aggiornamento alle 11:29


Il procuratore di Tempio, Andrea Garau

"La pubblicazione di un esposto presentato da un privato cittadino alla magistratura, documento che tecnicamente non può essere considerato coperto da segreto istruttorio" - si legge in una nota diffusa da Assostampa - ha portato ad una perquisizione nella redazione olbiese della Nuova Sardegna condotta dai Carabinieri su ordine del procuratore della Repubblica di Tempio, Andrea Garau.

"I militari hanno in particolare sequestrato alla cronista Tiziana Simula il telefono personale e due computer, quello personale e quello professionale. Quest'ultimo contiene in particolare tutta la posta, tanto quella personale quanto quella riservata e diretta alla redazione olbiese della Nuova Sardegna, dove lavorano sei giornalisti. Il fatto, che non conosce precedenti nella storia recente della stampa sarda, ha suscitato l'immediata reazione di Federazione nazionale della stampa, Unione Cronisti Sardi, Assostampa e Ordine dei giornalisti della Sardegna e del Consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti".

In un documento congiunto si parla apertamente di "attacco al segreto professionale" e si spiega che "il sindacato vigilerà sugli sviluppi dell'inchiesta ed è fin d'ora a fianco dei giornalisti sadi in una battaglia di civiltà e di democrazia".

Tiziana Simula è indagata per la violazione dell'articolo 326 del codice penale, ossia la rivelazione del segreto d'ufficio per un articolo pubblicato il 24 marzo, riguardante un esposto presentato contro l'ex procuratore di Tempio, Domenico Fiordalisi, nell'ambito della vicenda dell'asta giudiziaria sulla quale indaga da tempo la Procura di Roma.

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

6 commenti

  • Utente_US 28/03/2018 20:30:56

    E' severamente vietato dire la verità.
  • mariusIOAN 28/03/2018 20:07:43

    ...e la Redazione della "Nuova Sarfegna" è cosa ben diversa dalla Magistratura!!!
  • mariusIOAN 28/03/2018 20:02:16

    Si ricordino loro signori che quel privato cittadino presentò l'esposto non alla redazione della "Nuova Sardegna", bensì alla Magistratura....
  • franknews 28/03/2018 17:23:40

    Forse i giornalisti, con la scusa del diritto all'informazione, pensano di essere al di sopra della legge!
  • semur 28/03/2018 14:43:48

    tranquilli: tra un po' sarà peggio
  • user217618 28/03/2018 11:41:57

    Mai toccare la legge altrimenti si vendicano. Solo loro possono distruggere famiglie senza che nessuno possa far niente..