Cronaca » USA

Sparatoria in Florida, c'era un agente armato ma non è intervenuto

Venerdì 23 Febbraio alle 09:27


Gli studenti evacuati

C'era anche un ufficiale armato alla scuola di Parkland il giorno di San Valentino, quando Nikolas Cruz ha aperto il fuoco con un fucile d'assalto uccidendo 17 persone.

C'era ma non è intervenuto: è rimasto fuori dall'edificio assumendo una posizione difensiva e non è mai entrato nella struttura durante la sparatoria.

Lo ha fatto sapere lo sceriffo della contea di Broward, Scott Israel, che ha reso noto anche il nome dell'agente, si chiama Scott Peterson.

Lo sceriffo ha specificato che l'agente ha sbagliato: "Doveva entrare, affrontare il killer e ucciderlo".

Per questo Peterson è stato sospeso senza retribuzione, poi si è dimesso.

Secondo i media americani c'è un video che mostra l'agente fuori dall'edificio mentre nella scuola si continuava a sparare, Peterson è rimasto fuori per ben quattro minuti: "Non è mai entrato", ha spiegato il portavoce dello sceriffo. "Ciò che ho visto è un ufficiale arrivare sul lato occidentale dell'edificio 12, prendere una posizione e non entrare mai: sono devastato, ho la nausea".

(Unioneonline/L)

 
a destra il killer preso in custodia
Florida, strage in un liceo: ex allievo uccide 17 studenti

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook