Cronaca » Siria

Ucciso in Siria il rapper tedesco Deso Dogg: era il reclutatore dell'Isis

Venerdì 19 Gennaio alle 13:45 - ultimo aggiornamento alle 14:54


Deso Dogg, rapper tedesco-ghanese convertito all'estremismo radicale, è stato ucciso in un raid aereo in Siria, nella provincia di Deir Ezzor.

Il jihadista, al secolo Denis Cuspert, era stato dichiarato terrorista da Washington all'inizio del 2015: nei faldoni dell'Fbi viene descritto come reclutatore di potenziali combattenti tedeschi per lo Stato islamico, attirati proprio dai suoi filmati.

Secondo gli americani, avrebbe minacciato di morte l'ex presidente Barack Obama e incoraggiato i musulmani che vivevano in Paesi occidentali a compiere attentati. Più volte è stato dato per morto, sempre in un raid aereo, ma stavolta la notizia è stata divulgata ufficialmente anche dai terroristi.

LA STORIA D'AMORE CON LA TRADUTTRICE DELL'FBI - Solo pochi anni fa Deso Dogg si era reso protagonista di una lovestory alquanto curiosa: secondo i documenti della giustizia americana, una traduttrice dell'Fbi - reclutata per spiarlo - si era innamorata di lui e aveva cominciato a contattarlo tramite un account Skype.

Nel giugno 2014 era partita clandestinamente per sposarlo in Siria, passando per la Turchia. Due mesi dopo era tornata sui suoi passi ("Mi sono davvero messa nei guai questa volta", aveva scritto in una email) ed era riuscita a tornare negli Stati Uniti.

Arrestata, aveva dato la sua disponibilità a collaborare con le autorità ed era stata condannata a un anno di carcere.

(Unioneonline/D)

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

1 commenti

  • nur 20/01/2018 14:29:43

    canta che ti passa...