Cronaca » Provincia di Roma

Cancro al seno, Sardegna indietro con le cure. Lorenzin: "Inaccettabile"

Giovedì 05 Ottobre 2017 alle 16:34 - ultimo aggiornamento Giovedì 05 Ottobre 2017 alle 18:41


Il ministro Beatrice Lorenzin

"Da questo convegno lanciamo un messaggio alle Regioni, affinché comincino ad applicare il decreto ministeriale relativo all'attivazione delle Breast Unit entro il 2016. Ad oggi, dieci Regioni non sono ancora partite".

A ricordarlo è Laura Bianconi, componente della XII Commissione Sanità del Senato e promotrice dell'evento "Tumore al seno in Italia", svoltosi oggi a Roma alla presenza del ministro Lorenzin.

E, fra le dieci Regioni nel mirino, c'è anche la Sardegna.

Le Breast Unit, come ha ricordato Laura Bianconi, "sono delle reti di senologia dove la donna viene presa per mano e le vengono offerte diagnosi e cure di alta professionalità. Sono centri multidisciplinari, dove la donna può trovare tutto quello che le occorre, senza doversi spostare in altri luoghi. Stiamo parlando di una organizzazione sanitaria di grandissima qualità, che aiuta ad abbassare la mortalità del 18%".

Strutture ancora più importanti in una regione, come la Sardegna, dove l'insularità rende ancora più difficile rivolgersi per cure altrove.

Dai dati riportati al convegno risulta infatti che dal 2014, anno cui risale il decreto, sette regioni hanno recepito la legge - cioè le linee di indirizzo validate dalla Conferenza Stato-Regioni - e identificato con delibera le strutture destinate a far parte della rete regionale (Campania, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte-Valle D’Aosta e Veneto). Le regioni che hanno recepito la legge ma non hanno ancora indicato le strutture preposte sono quattro (Emilia-Romagna, Marche, Toscana e Umbria) mentre sono addirittura dieci le regioni che non hanno recepito la legge (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Friuli Venezia-Giulia, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia, Trentino).

"Il fatto che dopo il mio decreto del 2014 ancora esista una disparità tra territori in cui le donne possono avere il massimo dalla diagnosi, dalla terapia e dalla cura, e altre in cui questo non è possibile - ha ricordato Beatrice Lorenzin - non è giusto e non è accettabile. Occorre l'impegno di tutte le Regioni e di tutte le Asl per il raggiungimento di questi obiettivi".

In Italia sono 50mila le donne che ricevono diagnosi di tumore al seno ogni anno: il 6% sono metastatiche e hanno una mortalità entro 5 anni.

"Non avere a disposizione le armi migliori per combattere questa battaglia è delittuoso - ha aggiunto Laura Bianconi - e anche per quanto riguarda lo screening abbiamo oggi una realtà a macchia di leopardo. Pensiamo che uno screening riduce del 35% la mortalità delle donne, e un tumore preso in fase iniziale può guarire nell'89-90% dei casi".

(Redazione Online/v.l.)

 
sandra trogu sul gradino pi alto del podio assieme alle figlie
La nuova vita di Sandra, campionessa del mondo di judo dopo un tumore

Loading...
Caricamento in corso...

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

L’Unione Sarda ha scelto di aprire i propri articoli ai commenti dei lettori con l’obiettivo di far crescere insieme questa community nel rispetto reciproco. La redazione si riserva pertanto il diritto di rimuovere i commenti che non rispettano le regole di un confronto libero e civile. L’Unione Sarda si riserva inoltre il diritto di segnalare alle autorità competenti eventuali abusi o violazioni.

4 commenti

  • Martyga 06/10/2017 13:09:03

    Mantenendo il discorso sulla Breast Unit, ci si deve domandare perchè un numero sempre crescente di donne sarde va a farsi curare a Milano. Che copre i primi 3 posti assoluti IEO/Humanitas/Istituto Nazionale dei Tumori. A Cagliari, le cartelle cliniche dei pazienti girano con i portavivande in formato cartaceo, a Milano su documento PdF in rete LAN. C'è da meditare, o no?
  • Duca65 06/10/2017 11:19:42

    Non trovate fantastico come ogni tanto si palesi qualche ministro e si scandalizzi della sanità, dei trasporti, delle strade, delle ferrovie...Poi, dopo una aragosta e un vermentino, si torna a casa e bye bye sardinia.
  • Ribelle64 06/10/2017 08:59:14

    La problematiche, particolarmente interessante non è solo riconducibile al tumore del seno, ma anche ad altre svariate forme tumorali: in primis il carcinoma del colon.Lo screening viene preso in considerazione da poca gente, nonostante le offerte doverose da parte delle Asl.La prevenzione è pressochè inesistente (vedasi il tumore al polmone, correlato col fumo).Siamo alle solite, è una questione prettamente culturale e qui la Sardegna è perennemente indietro..
  • Solopit 05/10/2017 17:57:19

    Non aver ancora aderito alla Breast Unit non vuol dire che le donne sarde sono lasciate allo sbando difronte al tumore al seno, la Sardegna è una regione virtuosa per lo screening di tante forme tumorali e nel tumore al seno i centri di prevenzione si avvalgono di apparecchiature all'avanguardia per la diagnostica e di certo non mancano centri di eccellenza dove la paziente viene presa per mano e seguita passo passo.