Cronaca » Cagliari
Loading the player...

Cagliari, scontro fra treni della metro, si aggrava il bilancio: 85 feriti, 3 gravi

Martedì 19 Gennaio alle 08:33 - ultimo aggiornamento Mercoledì 20 Gennaio alle 07:54


Si aggrava il bilancio dello scontro tra due treni della metropolitana di superficie gestita dall'Arst avvenuto attorno alle 8.20 in via Vesalio a Cagliari, vicino all'Auchan di Pirri.

Le prime immagini dal luogo dell'incidente
Le prime immagini dal luogo dell'incidente

Secondo l'ultimo bilancio della Prefettura del capoluogo sardo ci sono 85 feriti, 3 in gravi condizioni, tra cui uno dei macchinisti e una passeggera in prognosi riservata. Nessuno sarebbe in imminente pericolo di vita.

Video: La testimonianza di una ragazza: "Prima la frenata, poi l'impatto"

Guarda questo video nel canale Multimedia

Loading the player...

Questa la distribuzione dei feriti nei vari ospedali cittadini: 14 sono ricoverati al San Giovanni di Dio in codice giallo; 21 al Brotzu, di cui 2 in codice rosso, 6 in codice giallo e 13 in codice verde; 26 all’Ospedale Marino, di cui 3 in codice giallo, 9 in codice verde e 13 ancora da valutare; 13 al Santissima Trinità di cui 1 in codice rosso e 12 in codice giallo.

Video: 70 feriti, 2 gravi nello scontro dei treni della Metro

Guarda questo video nel canale Multimedia

Loading the player...

Un bus è stato allestito come centro di primo soccorso. La Prefettura ha attivato un numero per dare informazioni sui feriti: 070/6006243. Attiva anche una mail: rita.cozzolino@interno.it.

Le prime immagini dal luogo dell'incidente
Le prime immagini dal luogo dell'incidente

Tutti gli ospedali del capoluogo sono stati messi in allerta e stanno ricevendo i feriti. Il Brotzu ha sospeso l'attività ordinaria per consentire di soccorrere il maggior numero di persone.

A bordo dei due convogli c'erano almeno 150 persone.

Tra loro anche molti studenti che si stavano recando negli istituti superiori del capoluogo. Scene di disperazioni e tanti ragazzi sotto choc.

I soccorsi ai feriti nello scontro tra i due treni
I soccorsi ai feriti nello scontro tra i due treni

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, i carabinieri, la polizia, i vigili urbani e tutte le ambulanze del 118 disponibili.

I soccorsi ai feriti dopo lo scontro
I soccorsi ai feriti dopo lo scontro

La causa potrebbe essere un problema al meccanismo di scambio (la linea in quel tratto è a binario unico) o un errore umano da parte di uno dei due macchinisti.

Video: Lo scontro della metro: perché due treni sullo stesso binario?

Guarda questo video nel canale Multimedia

Loading the player...

Lo scontro è stato violento: i passeggeri dei due convogli sono stati scagliati gli uni contro gli altri. Uno dei macchinisti è rimasto incastrato tra le lamiere ed è stato estratto dai vigili del fuoco.

Lo scontro tra i vagoni
Lo scontro tra i vagoni

È intervenuta la polizia scientifica per i rilievi: sono state estratte le scatole nere attraverso cui si dovrebbe riuscire ad accertare le cause dell'incidente e se uno dei due conducenti abbia commesso un errore.

Delle indagini si sta occupando la polizia municipale mentre l'inchiesta è coordinata dal pm Guido Pani. Per adesso i convogli non sono stati messi ancora sotto sequestro, il magistrato sta aspettando i primi rapporti per decidere il da farsi. Scontata l'apertura di un fascicolo per disastro ferroviario.

I soccorsi in via Vesalio
I soccorsi in via Vesalio

I due treni erano partiti verso le 7,30 dai rispettivi capolinea: Monserrato e piazza Repubblica a Cagliari. Lo scontro è avvenuto poco dopo una curva, nel binario unico accanto ai parcheggi dell'Auchan Marconi.

Uno dei convogli, secondo le prime testimonianze, è riuscito a rallentare, l’altro invece ha proseguito la marcia.

"Siamo finiti tutti per terra - hanno raccontato alcuni studenti -. Qualcuno è riuscito ad azionare l’apertura delle porte di emergenza e ci siamo precipitati fuori”.

Sul posto, per un sopralluogo, il prefetto di Cagliari, il questore, il comandante provinciale dei carabinieri, l'assessore regionale ai Trasporti e quello alla viabilità del comune di Cagliari.

"Di certo due treni sullo stesso binario non ci possono stare, dobbiamo capire cosa è accaduto ora è troppo presto", ha detto a caldo Carlo Onano, direttore di esercizio per la metro dell'Arst.

Video: Le dichiarazioni del direttore di esercizio Metrotramvie

Guarda questo video nel canale Multimedia

Loading the player...

"In questo momento non siamo in grado di dire se c'è stato un guasto o un errore umano - ha aggiunto il presidente dell'Arst Giovanni Antonio Caria -. Abbiamo subito avviato i controlli e speriamo di dare una risposte a breve. Siamo frastornati e addolorati per quanto accaduto".

"E' prematuro azzardare ipotesi precise sulle cause dell'incidente, attendiamo con fiducia e rispetto, il risultato delle indagini in corso. Sulla base delle informazioni fornite dall'Arst al momento dello scontro gli ordinari sistemi di controllo e segnalamento della circolazione dei treni risultavano in funzione".

Lo ha detto l'assessore regionale dei Trasporti Massimo Deiana intervenendo in Consiglio regionale sul grave incidente. (leggi l'articolo).

Scrivi un commento

Per inserire questo commento devi essere registrato a L'Unione Sarda.
Se sei già registrato, effettua l'accesso:

Non sei ancora registrato? Registrati ora!

Hai un account su Facebook? Puoi utilizzarlo per loggarti ai nostri servizi
Login con Facebook

54 commenti

  • esterinamatr 20/01/2016 14:11:19

    A Roma esiste lo stesso tram di questa tragedia, e porta il numero 8, non la chiamiamo metropolitana, perchè siamo seri. Al capolinea esiste un semicerchio per tornare indietro. Ebbene, sono stati capaci di mandare a velocità eccessiva quel tram e di farlo volare di sotto di 5 metri, nel traffico sottostante. La stupidità umana è infinita. E' facile prevedere un malore del conducente, cosa sempre possibile, quindi è facile dotarsi di metodi di blocco automatico se il mezzo è fuori controllo. z
  • esterinamatr 20/01/2016 14:05:17

    Con la tecnologia moderna è facile dotare di un CHIP di riconoscimento un tram; e quel chip messo sotto controllo esclude il transito nel binario unico se occupato da un'altro chip, cioè un altro tram. Anche i cani possiedono un chip al giorno d'oggi. Arrestate subito tutti gli organizzatori di quella tratta: sono colpevoli di OMICIDIO per NEGLIGENZA. Ora preghino che non muoia nessuno dei feriti entro 30 giorni dall'accaduto. ziaEster
  • taledu 19/01/2016 23:33:33

    Non siamo perfetti...Il responsabile sarebbe il SIGNORE con la sua creazione della razza umana con il fango. In questa tragedia si trovano i nostri soliti politicanti che non riescono a trovare (quando decidono di non cercare) i soldi da dare agli amministratori della Metro per poterli spendere per la sicurezza dei passeggeri
  • esterinamatr 19/01/2016 20:46:58

    il fatto accaduto dimostra che la SICUREZZA era inesistente; mentre doveva essere doppia, vista la presenza di un binario unico. Qualsiasi errore umano deve essere sminuito da metodi di sicurezza assoluti. Ora cambieranno le modalità d'uso di quel tratto di corsia. E' sufficiente dotarsi di un sistema elettrico che esclude il transito in entrambi i sensi per rendere in futuro impossibile il ripetersi di tali incidenti. Ma qui non si tratta di un INCIDENTE, ma di SUPERFICIALITA'. ziaEster
  • gas_1973 19/01/2016 20:02:27

    Enrico_47, grazie del consiglio, la prossima volta che dovrò prendere un aereo mi informerò sul livello di sicurezza delle compagnie e metterò a confronto i vari aeromobili utilizzati in rapporto alle ore di volo e ai passeggeri trasportati. Grazie, hai appena salvato una vita.
  • Enrico_47 19/01/2016 19:14:18

    Tutti a non vedere la realtà: l'incidente! Nessuno chiede il livello di sicurezza, nessuno che paragoni strutture simili cioè metro e tram (non treni) in rapporto ai km percorsi e passeggeri trasportati! E' la vita, vs, dei vs figli e mi rispondete capitano in tutto il mondo senza neppure analizzare mezzi, km percorsi e le persone trasportate! Dato il suo tracciato a monobinario devono esserci sistemi automatici oltre l'uomo! Ci sono? No, visto l'incidente! Ma se lo chiedi, sei un imbecille!
  • elipala 19/01/2016 18:24:25

    Prendo la Metro tutti i giorni a quell'ora e mi dispiace tantissimo dell'accaduto. Io, per un caso fortuito, oggi non ero a bordo. Sono vicina a tutti i miei compagni di viaggio e ai macchinisti . Mi auguro che si risolva tutto per il meglio. Il servizio è utilissimo e ottimo per la città.
  • cesarin 19/01/2016 18:11:18

    Vorrei far notare che nella stazione di via Caracala Ci sono dei lavori in corso e quella fermata è temporaneamente sospesa per scavi relativi all'incanalamento di acque meteoriche. Queste metro funzionano con delle coincidenze e riducendo il numero di stazioni potrebbe alterare queste coincidenze. Speriamo che i feriti si rimettano quanto prima.
  • cuoresardo 19/01/2016 18:09:49

    Caro Taledu, e del disastro ferroviario in Spagna a Santiago de Compostela nel 2013 ne vogliamo parlare, si ricorda?Con il macchinista che affrontava la curva ben oltre la velocità massima consentita causando il deragliamento del convoglio e la morte di 79 persone, incidenti come questo capitano ovunque nel mondo, ma qui a quanto pare molti hanno la memoria corta e l'unica cosa che son capaci di fare è criticare a prescindere!!!!Ma per favore........patetici!!!!
  • zioleo 19/01/2016 17:07:18

    A leggere alcuni commenti viene confermato il mio pensiero che i soliti tuttologi sapientoni che sanno di ogni cosa e scrivono con argomentazioni politiche faziose non si sono estinti: è proprio vero la mamma degli idioti è sempre incinta!! La metro di superficie esiste in tantissime città in tutto il mondo e gli incidenti purtroppo son sempre accaduti, la componente umana non è controllabile ...nemmeno col doppio binario.... Un pensiero ai feriti con l'augurio di pronta guarigione.