SPORT - CALCIO REGIONALE

promozione

Il Calangianus è salvo: nuovi dirigenti e nuovo allenatore

La soddisfazione da parte del sindaco, Fabio Albieri
il sindaco fabio albieri (archivio l unione sarda)
Il sindaco, Fabio Albieri (Archivio L'Unione Sarda)

La crisi che ha coinvolto ultimamente l'FBC Calangianus (campionato di Promozione) è superata. Lo comunica lo stesso Commissario straordinario Piero Mannoni, annunciando la costituzione del nuovo direttivo, che sarà composto da: Paolino Cossu, presidente; Gino Cassitta, vice; Antonello Palmas di Castelsardo.

Dirigenti: Piero Mannoni, Andrea Fele, Vittorio Fraschini. L'allenatore sarà Luca Rusani, uno dei giocatori storici di questo Calangianus, uno delle società più gloriose in Sardegna con tantissimi anni giocati in Serie D.

Decisiva, nella soluzione della crisi, la famiglia Di Pellegrini, che dal primo momento ha confermato il sostegno economico a qualsiasi gruppo organizzato potenzialmente interessato a dirigere l'FBC Calangianus. A questo risultato atteso dai tifosi locali si è giunti anche grazie all'impegno personale profuso dal sindaco Fabio Albieri e dall'assessore allo Sport Marco Tatti, che fin dal primo momento si sono attivati per evitare che l'FBC Calangianus scomparisse dal panorama calcistico regionale dopo 114 anni di storia.

Nei prossimi giorni sarà ufficializzato l'ingresso di altri dirigenti. Da chiarire che il gruppo dirigenziale rimarrà comunque aperto a tutti coloro i quali desiderassero contribuire sul piano organizzativo e/o finanziario per facilitare la nascita di un modello di gestione sostenibile e duraturo. È intendimento della nuova società creare nuovo interesse partendo dal rilancio del settore giovanile a tutti i livelli, linfa vitale per l'intero movimento calcistico calangianese.

"Una grande soddisfazione - ha sottolineato il sindaco Albieri - il Calangianus fa parte della storia calcistica dell'intera Sardegna: appena due anni fa ha giocato i playoff per risalire in Serie D. C'è voglia di rilancio: ringrazio tutti quanti hanno a cuore le sorti della nostra gloriosa società".

© Riproduzione riservata


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...