SPORT - CALCIO

Cagliari-Atletico Madrid: gli uomini di Simeone vincono 1-0

(foto atletico madrid twitter)
(foto Atletico Madrid Twitter)

Finisce con una sconfitta di misura l'amichevole di lusso alla Sardegna Arena tra il Cagliari e l'Atletico Madrid di Diego Pablo Simeone.

Per il match mister Maran sceglie come titolari Cragno, Faragò, Romagna, Ceppitelli, Lykogiannis, Castro, Cigarini, Cossu, Ionita, Pavoletti, Farias.

I colchoneros rispondono invece con Oblak, Juanfran, Godín, Giménez, Filipe Luis, Koke, Saúl, Lemar, Correa, Gelson e Borja.

Una sfida che è stata anche l'occasione per dire grazie ad Andrea Cossu: il numero 7 ha disputato infatti la sua ultima partita (oltre 260 le presenze in rossoblù) prima di appendere gli scarpini al chiodo.

Prima del fischio d'inizio, le squadre hanno osservato un minuto di raccoglimento per la morte di Gustavo Giagnoni, storico allenatore del Cagliari, morto ieri all'età di 85 anni; e sugli spalti è comparso uno striscione dei tifosi per ricordare il William Corona, il ragazzo morto ne giorni scorsi nel tragico incidente sulla strada 554.

Al 7', invece, la sostituzione programmata di Cossu: il capitano è uscito dal campo tra abbracci e

Al suo posto, Nicolò Barella, uscito dopo pochi minuti lasciando il posto a Simone Padoin.

Lo striscione per ricordare il giovane William Corona
Lo striscione per ricordare il giovane William Corona

Cossu esce dal campo al 7'
Cossu esce dal campo al 7'

Nel primo tempo il più attivo dei rossoblù è Farias, che semina il panico nella difesa spagnola con un paio di incursioni e poi sfiora il gol di testa, mandando di poco a lato.

Al 24' è ancora il numero 17 a provarci da distanza ravvicinata, ma Oblak gli nega la rete con un gran rifelsso.

Sono invece gli ospiti ad andare a segno, con Borja che raccoglie il suggerimento di Gelson dalla sinistra e insacca da due passi.

Al 40' Pavoletti prova a trovare il pari di testa, ma senza fortuna.

Nella ripresa Maran inserisce, tra gli altri, Han, Sau e Deiola.

Nei primi minuti è proprio quest'ultimo, servito da Sau, a rendersi pericoloso, con un sinistro fermato dalla traversa.

Ma è il numero 25 quello che impensierisce di più la retroguardia ospite.

Come al 33' quando si libera e tira da buona posizione, ma il pallone centrale è facile preda di Oblak.

Nei minuti finali è l'Atletico a sfiorare il raddoppio, per due volte con Mollejo, che prima prova il tiro a giro (alto) e poi spizza di testa centrando il palo alla sinistra di Cragno.

Il risultato non si sblocca fino al 90' + 4 minuti di recupero.

E al triplice fischio la vittoria è dei colchoneros.

(Unioneonline/l.f.)

COSSU SALUTA IL CALCIO:

andrea cossu d l addio al calcio una carriera per immagini
Andrea Cossu dà l'addio al calcio: una carriera per immagini
in azione contro l atalanta nel 2008
In azione contro l'Atalanta nel 2008
nel 2009 dopo aver segnato all inter
Nel 2009, dopo aver segnato all'Inter
nel 2010 durante un duello con lo juventino camoranesi
Nel 2010, durante un duello con lo juventino Camoranesi
il battibecco (con manata) con grava durante un napoli cagliari del 2010
Il battibecco (con manata) con Grava, durante un Napoli-Cagliari del 2010
in allenamento con gli azzurri
In allenamento con gli Azzurri
contro il genoa durante un faccia a faccia con di vaio
Contro il Genoa, durante un faccia a faccia con Di Vaio
con la maglia della nazionale
Con la maglia della Nazionale
contro il milan in sfida con zambrotta
Contro il Milan, in sfida con Zambrotta
contro il novara nel 2011
Contro il Novara, nel 2011
con daniele conti altra bandiera rossobl
Con Daniele Conti, altra bandiera rossoblù
un altro duello questa volta contro pogba durante un match con la juventus
Un altro duello, questa volta contro Pogba, durante un match con la Juventus
in gol su rigore contro l atalanta nel 2014
In gol su rigore contro l'Atalanta nel 2014
il bacio alla maglia dopo una sostituzione
Il bacio alla maglia dopo una sostituzione
sotto la curva (foto tratte da archivio ansa)
Sotto la curva (foto tratte da archivio Ansa)
di

L'ARRIVO DELL'ATLETICO:

ADDIO GIAGNONI:

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...