SPETTACOLI

Il Teatro Lirico vola in America, Scorsese tra i protagonisti del progetto internazionale di Claudio Orazi

martin scorsese (ansa)
Martin Scorsese (Ansa)

È tutto pronto per la prestigiosa trasferta americana della Fondazione Teatro Lirico di Cagliari che tra il 15 e il 17 ottobre sarà a New York per la coproduzione internazionale dedicata a Lorenzo Da Ponte e all'opera italiana.

Prima del viaggio lo spettacolo L'Ape Musicale sarà proposto ancora stasera e domani alle 11 per le scuole, nell'allestimento di Davide Garattini Raimondi, vincitore, lo scorso anno, del Premio della Critica "Franco Abbiati" con Donato Renzetti sul podio.

Lo straordinario progetto di internazionalizzazione, voluto dal Sovrintendente del lirico cagliaritano Claudio Orazi, ha riscosso anche l'entusiastico interesse del grande regista Martin Scorsese.

La stella del cinema mondiale, naturalizzato italiano e grande appassionato di opera lirica, ha deciso di patrocinare e seguire da vicino il film documentario che un'importante rete televisiva dedicherà all'"Oratorio for the Benefit of the Orphan Asylum" interpretato dall'Orchestra e il Coro del Teatro Lirico di Cagliari diretti da Donato Renzetti il prossimo 16 ottobre alle 19.30 nella cattedrale di Saint Patrick di New York, a 192 anni dalla "prima" nell'interpretazione di Manuel García e sua figlia, Maria Malibran.

L'evento è l'ultimo appuntamento del progetto "Il ponte di musica" che vede protagonisti il Teatro di Cagliari e la Regione Sardegna uniti, questa volta, nella figura di Lorenzo Da Ponte, librettista di Mozart e fine uomo di cultura.

Fu proprio nella prestigiosa cattedrale che furono celebrati i funerali dell'insigne italiano, nel 1838. Ma Saint Patrick è anche la parrocchia di Scorsese, che fin da piccolo la frequenta partecipando al coro della chiesa, per poi diventarne benefattore.

Una storia scoperta casualmente nel primo incontro che Claudio Orazi ebbe con Frank Alfieri, rettore di Saint Patrick.

Il viaggio ripercorre una tappa della storia dell'opera lirica che sbarca a New York e come in una trama da melodramma intreccia i destini degli artisti italiani in terra americana.

A far da catalizzatore di questa coincidenza è stato l'infaticabile manager a capo del Lirico sardo da tre anni. "È stata una magnifica sorpresa scoprire questo legame invisibile tra due grandi artisti italiani - ha dichiarato Orazi - un circuito virtuoso si è così creato attorno a un nome importante per la nostra cultura, Lorenzo Da Ponte".

Il suo lavoro originale e unico "L'Ape musicale", incantevole pastiche di note e parole, sarà eseguito da Orchestra e Coro del Lirico il 15 e 17 ottobre alle 19.30 presso la Rotunda della Low Library della Columbia University.

È atteso il pubblico delle grandi occasioni e anche tantissimi emigrati sardi assieme alla folta schiera di italiani in America, una colonia laboriosa e produttiva che ha raggiunto in molti casi fortuna e successo grazie all'impegno quotidiano e alla passione, con il tricolore e i quattro mori sempre nel cuore.

L.P.

© Riproduzione riservata


UOL Unione OnLine

COMMENTI

Sottoscrivi l'unione sarda
abbonati a L'Unione Sarda'
PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...