SPETTACOLI

Mara Venier racconta: "Quel politico che ci provò con me"

mara venier
Mara Venier

"Se avessi dovuto denunciare tutti quelli che mi sono 'zompati' addosso per provarci, avrei riempito le galere. Invece ho reagito, ho anche dato due ceffoni quando sono serviti, e me ne sono andata".

Sono le parole di Mara Venier circa l'ondata di denunce per molestie sessuali che sta travolgendo il mondo dello spettacolo.

"Si sta un po' perdendo la distinzione – aggiunge la nota conduttrice in un'intervista rilasciata al settimanale Oggi - tra i vari episodi. Un conto sono gli stupri, un conto le molestie sessuali e un altro quelle che io chiamo 'avances' esuberanti".

Quindi rivela: "Una sera, circa 25 anni fa, con due amici e altre 10 persone andai a cena a casa di un politico molto importante. A fine cena, mi dice: 'Vieni a vedere i miei quadri?'. Io vado, 'vediamo questi quadri', poi quando torniamo in sala da pranzo scopro che gli altri, anche i miei due amici, sono andati via. Erano tutti d'accordo fin dall'inizio... Gli dissi: 'Guarda che hai capito male' e me ne andai. Non ero arrabbiata con lui, che avevo messo a posto in un attimo, ma con gli amici che mi avevano tradita. Ero giovane, agli inizi, avevo difficoltà a lavorare e quel politico avrebbe potuto dare una svolta alla mia vita. Eppure andai via".

(Redazione Online/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...