SPETTACOLI

"Combatto per riprendermi": il messaggio di Fabrizio Frizzi sui social

"Cari Amici, sono felice di potervi scrivere per dirvi che combatto per riprendermi".

Si apre così il post pubblicato oggi da Fabrizio Frizzi sulla sua pagina Facebook, in cui il celebre conduttore, colpito da un'ischemia lo scorso 23 ottobre mentre stava registrando una puntata dell'eredità, ringrazia medici, fan e gli amici e colleghi della Rai.

Un messaggio che fa tirare un sospiro di sollievo ai numerosi e affezionati sostenitori, alla ricerca disperata di notizie su siti d'informazione e social network, ma al tempo stesso rispettosi del silenzio mediatico della famiglia interrotto solo dall'annuncio del collega Carlo Conti che aveva, qualche giorno fa, comunicato del ritorno del caro amico a casa.

"Prima di tutto devo ringraziare infinitamente i medici dell'Umberto 1° - prosegue Frizzi nel messaggio sui social - che mi hanno ripreso per i capelli, poi i medici del Sant'Andrea che mi hanno rimesso in piedi e rapidamente sono stati capaci di capire da cosa il guaio era stato generato. Insieme a loro devo gratitudine eterna ai loro infermieri".

Poi i ringraziamenti all'azienda e a Carlo Conti. E poi "Grazie ai miei familiari e agli amici di una vita che mi hanno supportato in maniera incredibile. Grazie a tutti per i messaggi che piano piano leggerò e che mi daranno forza per superare questa brutta avventura. Grazie anche a chi mi ha pensato con affetto senza potermi raggiungere. Un abbraccio a tutti".

Il post pubblicato su Facebook

Un post che in un'ora ha totalizzato la bellezza di oltre 6.200 like e migliaia di commenti di affetto e incoraggiamento: "Ti aspettiamo, la televisione ha bisogno di te!”, dice Salvatore, e Miranda, come molti altri, aggiunge "ti auguro una pronta guarigione e scusami se ti do del tu, ma per noi ormai sei uno di famiglia".

(Redazione Online/v.l.)

© Riproduzione riservata


UOL Unione OnLine

COMMENTI

Sottoscrivi l'unione sarda
abbonati a L'Unione Sarda'
PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...