SPETTACOLI

Cuore, rap e devozione: ecco "Santeria". Ma Marracash e Guè Pequeno convincono a metà

Ci si aspettavano grandi cose da “Santeria”, il disco (uscito venerdì 24 giugno) della collaborazione di due pesi massimi dell’hip hop italiano come Marracash e Guè Pequeno, insieme per la prima volta in un album.

Un po’ perché rappresentava per Guè Pequeno un nuovo terreno su cui far correre il suo talento, dopo il mezzo passo falso di "Vero", il lavoro solista post-Club Dogo che ha avuto un’accoglienza così così, tra polemiche sui social e pezzi non sempre all’altezza, nonostante alcuni buoni spunti e soluzioni stilistiche (per lui) inedite.

E un po' perché Marracash, tra i più dotati nella scena rap di casa nostra, arrivava da un disco nudo e crudo come "Status", una dichiarazione di guerra a chi tra i suoi colleghi in questi anni ha annacquato il genere col pop più d’accatto in nome delle classifiche di vendita.

L'artwork della copertina di "Santeria"
L'artwork della copertina di "Santeria"

Così, al di là della splendida operazione di marketing per la presentazione di "Santeria", che qualche giorno fa ha occupato alcune vie in diversi punti di Milano in cui era possibile ascoltarne dei brani, annunciate attraverso un’applicazione ad hoc, questo album mostra fin da subito tutte le sue luci e tutte le sue ombre.

Perché se "Money" riporta in alto un Gué Pequeno rinato, con rime ben incastrate e un flow d’altri tempi, e "Senza Dio" mette in mostra le migliori qualità dei due, non mancano i punti bassi come "Purdi", forse il pezzo più deludente in assoluto, o "Insta Love", una tiritera reggae-trap sull’amore 2.0 “nell’era dello sharing” che nasce e muore nello schermo di uno smartphone.

Marracash
Marracash

Fortunatamente ci sono anche pezzi come "Erba & Wi-fi", un tentativo di esplorare nuovi suoni, "Cosa mia" o "Quasi amici" che ritornano (come succede in più punti dell'album) sulla sfruttatissima tematica gangsta-droga-vita di quartiere ma che - grazie a Dio - lo fanno bene.

Guè Pequeno
Guè Pequeno

© Riproduzione riservata


UOL Unione OnLine

COMMENTI

Sottoscrivi l'unione sarda
abbonati a L'Unione Sarda'
PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...