SALUTE

Il convegno

Culle vuote nell'Isola: è allarme denatalità

Un incontro con medici ed esperti per far luce sulle motivazioni alla base della costante decrescita di nuovi nati in Sardegna
immagine simbolo (archivio l unione sarda)
Immagine simbolo (archivio L'Unione Sarda)

Nascite in crisi nell'Isola: sono ben 4mila in meno, infatti, i bimbi venuti alla luce nel 2017 in Sardegna nel confronto con il 2010.

L'allarme è della Società italiana di pediatria, che ha organizzato sul tema un importante convegno in programma venerdì 1 febbraio a Cagliari (dalle 15, via San Salvatore da Horta, 2) dal titolo: "La denatalità nella nostra regione è un problema serio da affrontare bene e presto".

"In Sardegna nei primi otto mesi 2018 è stato registrato un pericoloso avvicinamento alla soglia dei diecimila nati: nel 2010 sono stati oltre tredicimila. Fermiamoci a riflettere con urgenza" spiega Rossella Mura, presidente della Sip regionale.

La Sardegna - nel panorama già difficile della demografia italiana - è stabilmente ai primi posti per denatalità. "Un'inesorabile discesa ci ha fatto precipitare dai 13.538 nati del 2010 ai 10.142 del 2017. Dal 2010, mediamente ogni anno – spiega Rossella Mura - abbiamo avuto 485 nascite in meno rispetto all'anno precedente. I dati dei nati vivi Istat nei primi otto mesi dell'anno scorso mostrano come sia probabile che nel 2018 si scenda al disotto della soglia psicologica di diecimila nati per anno".

Ai lavori, aperti da Rossella Mura e Giuseppe Masnata, presidente della Consulta pediatrica regionale, interverranno medici ed esperti di levatura nazionale e internazionale.

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...