SALUTE

"Fiocchi in ospedale", un nuovo progetto per neo-genitori e bimbi a Sassari

la presentazione dell iniziativa
La presentazione dell'iniziativa

L'obiettivo è quello di accrescere le condizioni di benessere della mamma, del papà e del neonato, offrendo loro un supporto, sia prima che dopo il parto, per sostenere la qualità e la serenità della relazione genitori-figli e il benessere dei bambini.

È quanto si propone il progetto "Fiocchi in Ospedale" che, grazie alla convenzione siglata tra Aou di Sassari, Save the Children e Uisp Sassari consentirà l'apertura, al piano terra della Clinica di Ginecologia e Ostetricia di viale San Pietro, di un punto di ascolto e di sostegno per i futuri e neo genitori che si trovano ad affrontare problemi come povertà, solitudine, scarsa conoscenza delle pratiche per la cura del neonato.

Il progetto, già attivo in Italia dal 2012 e che ha coinvolto nel tempo nove ospedali della penisola, è al suo primo esempio in Sardegna.

L'iniziativa è stata presentata questo pomeriggio nei locali della direzione generale dell'Aou di Sassari alla presenza del direttore generale Antonio D'Urso, del procuratore speciale Save the Children Raffaella Milano, della coordinatrice dei progetti per l'associazione non governativa Francesca Romana Marta, del direttore del dipartimento Materno infantile Salvatore Dessole, della coordinatrice ostetrica Fausta Pilerie e del presidente Uisp comitato territoriale Sassari, Marco Perra.

Le attività prevedono il rafforzamento delle collaborazioni tra i diversi reparti che intervengono nella presa in carico e cura della mamma e del bambino, quindi la facilitazione delle collaborazioni tra le professionalità coinvolte. Previste anche la realizzazione della dimissione protetta in casi particolarmente critici, la mediazione culturale, il percorso di rientro a casa con presa in carico dei servizi e la messa in rete dei servizi ospedaliero e socio sanitari del territorio.

Nella convenzione, inoltre, sono in programma attività come cura e assistenza anche con visite domiciliari nei mesi successivi al parto da parte degli operatori dello sportello, la formazione dei volontari, la creazione di un network di supporto ai familiari e la prevenzione e contrasto di ogni forma di abuso e violenza sui bambini nei primi 1000 giorni di vita.

Allo sportello, al piano terra della Clinica di Ginecologia e Ostetrica in viale San Pietro, saranno presenti operatrici qualificate di Uisp Sassari. Inoltre, per le attività di cura e colloqui domiciliari potranno essere coinvolti operatori sociali, volontari che verranno formati dal personale Uisp.

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...