POLITICA

Toni accesi

"Martina vada a ca...", l'audio di Richetti scatena il caos nel Pd

"Tensioni già superate", la replica del segretario
maurizio martina con matteo richetti in una foto d archivio (ansa)
Maurizio Martina con Matteo Richetti in una foto d'archivio (Ansa)

È caos nel Pd alla vigilia delle primarie del 3 marzo.

E in un audio diffuso via WhatsApp ai suoi sostenitori, il senatore Matteo Richetti scarica duramente il segretario Martina: "Per me la mozione è finita – tuona -. Ho cancellato le iniziative, io non ci vado in Toscana a dire votate Martina, anzi vi invito a farvi i c... vostri". E ancora: "Sosterremo i nostri, io non li lascio soli. Martina può andare a ca… Ha voluto preferire i De Luca e i Lotti e compagnia? Da noi non avrà nessun sostegno".

Toni accesi che il senatore ha poi provato a smussare una volta che l'audio è diventato pubblico.

"Il problema più serio che abbiamo non è il file audio – scrive il senatore su Facebook - ma che in un Paese che è sull’orlo di una nuova crisi economica e sociale, la democrazia che traballa e l'Europa che ci guarda come i prossimi naufraghi della globalizzazione, la notizia sia questa".

"Per me – prosegue - il rinnovamento e il protagonismo dei giovani sono ragioni imprescindibili del mio impegno", e "mi sento preso in giro se mentre giro ovunque predicando impegno comune per il cambiamento, questo non trova spazio in alcune regioni d'Italia", "io non ci sto a spezzarmi la schiena per poi vedere 'i soliti noti' giocare al risiko delle poltrone. E mi arrabbio ancora di più perché so che Maurizio Martina la pensa come me".

"Siamo #fiancoafianco in ragione di questo obiettivo”, si legge ancora, e - "dico anche che le persone serie, e mi ritengo tale, onorano i loro impegni e si battono fino alla fine. Sarò al fianco di Maurizio Martina con ancora più convinzione".

Quindi una nota per "gli amici delle altre mozioni che usano questo sfogo per dire 'siamo meglio noi': voglio solo ricordare che se ho fatto questa scelta e oggi mi batto per vincere la sfida sul rinnovamento, è perché in altri ambiti nemmeno si poteva aprire questa battaglia. I potentati locali stanno ovunque, i governatori che fanno male al partito stanno ovunque, le incoerenze di chi sta in campo per supplenza stanno ovunque… Ora torno alla mia campagna congressuale e a battermi per dare a questo Paese una Politica migliore di quella offerta da Salvini e Di Maio".

"Questo è un audio di qualche giorno fa", il commento di Martina. "Quando si fa questo lavoro è ovvio che ci sono anche momenti di tensione, per fortuna superati".

Nel frattempo l'ex ministro Maria Elena Boschi, in un’intervista rilasciata a "Il Foglio" sostiene la candidatura a segretario di Roberto Giachetti: "Voto 'Bobo' – ha spiegato – perché è l'unico in questa fase che difende il lavoro e il progetto politico che abbiamo portato avanti in questi anni. Non che non mi fidi di Zingaretti, che dice che non farà patti con il M5S, però penso che ci siano fasi in cui tocca ad altri. E questa è una di quelle fasi".

(Unioneonline/v.l.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...