CRONACA - MONDO

Gran Bretagna

Rimane incastrato nella poltrona del cinema e si spezza il collo, attesa per la sentenza

Il 24enne si era chinato per recuperare il cellulare, i soccorsi erano stati inutili
(ansa)
(Ansa)

Sono giorni di grande attesa a Birmingham, in Gran Bretagna, per la sentenza riguardante la morte di Ateeq Rafiq.

Il 24enne era rimasto vittima di un tragico incidente poco più di un anno fa quando era andato al cinema "Star City" con la moglie per vedere uno spettacolo.

Chinatosi per recuperare il cellulare era rimasto con la testa incastrata nella poltrona elettrica spezzandosi il collo. La testa si era conficcata nel poggiapiedi non lasciando scampo al malcapitato, nonostante la consorte avesse lanciato immediatamente l'allarme.

Il frenetico trasferimento al Heartands Hospital era risultato inutile col giovane che è morto dopo una settimana di agonia.

A distanza di 12 mesi si cerca di capire come siano andate realmente le cose. Si tratta di un tragico incidente? Di un omicidio? Della poca efficienza dello staff sanitario oppure di un difetto della seggiola del cinema? I gestori della struttura avevano espresso messaggi di cordoglio all'indirizzo della famiglia di Rafiq, ma potrebbero esserci anche loro responsabilità nella vicenda.

A breve sapremo come è andata a finire.

(Unioneonline/M)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...