CRONACA - ITALIA

la tragedia del 2007

Rogo della ThyssenKrupp: in forse l'arresto di due dirigenti (già condannati in Italia)

Secondo un giudice tedesco "il procedimento in Italia era imperfetto"
la mamma di una delle vittime mostra le immagini dei sette operai rimasti uccisi (ansa)
La mamma di una delle vittime mostra le immagini dei sette operai rimasti uccisi (Ansa)

Sono stati già condannati in via definitiva in Italia per il disastro della ThyssenKrupp ma potrebbe essere archiviata la richiesta di procedere all'arresto in Germania.

Niente carcere per ora dunque per l'ad Harald Espenhahn e per il consigliere Gerald Priegnitz, condannati in Cassazione rispettivamente a 9 anni e 8 mesi e a 6 anni e 10 mesi per le loro responsabilità nella morte di sette operai nell'incendio scoppiato, nello stabilimento torinese, nella notte tra il 5 e il 6 dicembre 2007.

accaddeoggi 6 dicembre 2007 sette vittime nell incendio della thyssenkrupp
#AccaddeOggi: 6 dicembre 2007, sette vittime nell'incendio della ThyssenKrupp
il rogo scoppia nella pi importante azienda siderurgica d europa
Il rogo scoppia nella più importante azienda siderurgica d'Europa
i feriti gravissimi sono sette moriranno tutti in poche settimane
I feriti gravissimi sono sette: moriranno tutti in poche settimane
i funerali delle vittime
I funerali delle vittime
antonio michele boccuzzi l operaio di 34 anni testimone di quella notte
Antonio Michele Boccuzzi, l'operaio di 34 anni testimone di quella notte
la mamma di rosario rodin mostra le foto delle vittime
La mamma di Rosario Rodinò mostra le foto delle vittime
l ex ad harald espenhahn condannato a nove anni e otto mesi
L'ex ad Harald Espenhahn, condannato a nove anni e otto mesi
(tutte le foto sono ansa)
(Tutte le foto sono Ansa)
di

La richiesta di archiviazione è stata presentata dagli avvocati dei due dirigenti e a diffondere la notizia sono state le Iene: "La sentenza italiana - questa la motivazione del giudice tedesco - non è legalmente eseguibile in Germania: il procedimento in Italia era imperfetto e non è stato eseguito correttamente".

Mentre gli altri quattro dirigenti condannati si sono consegnati subito alle autorità, Espenhahn e Priegnitz hanno chiesto di pagare le loro colpe in Germania. Ma per il momento le cose stanno andando decisamente a rilento.

(Unioneonline/D)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...