CRONACA - ITALIA

rifiuti

Di Maio contro Salvini: "Inceneritori in Campania? Non c'entrano una ceppa"

Il vicepremier leghista vuole un termovalorizzatore in ogni provincia campana. Di Maio non ci sta: "La camorra ha investito su quel business"
matteo salvini (ansa)
Matteo Salvini (Ansa)

Uno dice che serve un inceneritore per ogni provincia della Campania, l'altro che non c'entrano "una beneamata ceppa e non sono nel contratto di governo".

Lo scontro tra i due vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio stavolta si sposta sul tema dei rifiuti, molto caro al campano pentastellato.

Tutto parte dalle parole del ministro dell'Interno che oggi a Napoli ha detto di voler imporre gli inceneritori: "So che sono decisioni che coinvolgono i sindaci, ma se c'è di mezzo la salute dei bimbi e c'è incoscienza da parte delle istituzioni locali, si può anche imporli. Se si trovano le localizzazioni bene, altrimenti le troviamo noi".

Di Maio non apprezza affatto: "Quando si viene in Campania e si parla di Terra dei Fuochi si dovrebbero tener presenti la storia e le difficoltà di questo popolo - replica sui social -. La Terra dei Fuochi è un disastro legato ai rifiuti industriali (provenienti da tutta Italia) non a quelli domestici. Quindi gli inceneritori non c'entrano una beneamata ceppa e tra l'altro non sono nel contratto di governo".

"Con i 'no' non si va da nessuna parte - risponde Salvini - questo vale soprattutto per gli enti locali: vale per i sindaci e la Regione che hanno detto no, no e no, e sui rifiuti cosa facciamo? Li facciamo gestire dalla camorra? Non penso".

"La camorra - puntualizza Di Maio - ha investito sul business degli inceneritori. Questo è il passato che non vogliamo più. Il futuro che vogliamo in tutta Europa è senza inceneritori e senza camorra".

Sulla vicenda si leva anche la voce di Roberto Fico, a conferma che il tema rifiuti rischia di essere un nervo scoperto per il Movimento. Il presidente della Camera va già duro: "Già la parola 'inceneritore' non dovrebbe essere più utilizzata. Rappresenta una tecnologia osboleta e dannosa, protagonista in un passato che va superato. Parlare addirittura di cinque inceneritori in Campania, uno per provincia, significa essere nostalgici dei fallimenti del passato. Ma significa anche non conoscere un territorio, la sua storia, le sue sofferenze e le battaglie portate avanti per preservare ambiente e salute delle persone. Sui rifiuti occorre fare passi in avanti, non indietro, con pratiche e sistemi nuovi".

(Unioneonline/D)

LA PROTESTA DEI CENTRI SOCIALI:

il vicepremier a napoli la contestazione dei centri sociali (ansa)
Il vicepremier a Napoli, la contestazione dei centri sociali (Ansa)
il sit in in galleria umberto i (ansa)
Il sit-in in Galleria Umberto I (Ansa)
negli scontri tra dimostranti e forze dell ordine stato colpito un giovane (ansa)
Negli scontri tra dimostranti e forze dell'ordine è stato colpito un giovane (Ansa)
il ministro dell interno circondato dai fotografi (ansa)
Il ministro dell'Interno circondato dai fotografi (Ansa)
il vicepremier giunto nel capoluogo campano per presiedere il comitato per l ordine e la sicurezza pubblica (ansa)
Il vicepremier è giunto nel capoluogo campano per presiedere il Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica (Ansa)
matteo salvini (foto sabrina schiesaro)
Matteo Salvini (foto Sabrina Schiesaro)
alcuni dimostranti davanti alla prefettura (foto sabrina schiesaro)
Alcuni dimostranti davanti alla prefettura (foto Sabrina Schiesaro)
sostenitori del leader del carroccio (ansa)
Sostenitori del leader del Carroccio (Ansa)
la prefettura di napoli (foto sabrina schiesaro)
La prefettura di Napoli (foto Sabrina Schiesaro)
simpatizzanti della lega (foto sabrina schiesaro)
Simpatizzanti della Lega (foto Sabrina Schiesaro)
di

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...