CRONACA SARDEGNA - SULCIS IGLESIENTE

le proteste

Domusnovas, non cessano le proteste per l'acqua torbida

Il sindaco pronto a convocare un Consiglio comunale
una delle immagini scattate a domusnovas (foto l unione sarda farris)
Una delle immagini scattate a Domusnovas (foto L'Unione Sarda - Farris)

Sono in continuo aumento le proteste per l'acqua torbida che sgorga dai rubinetti delle utenze domusnovesi. Già dai giorni immediatamente successivi alla revoca dell'ordinanza sindacale (il 5 aprile) per la non potabilità il colore dell'acqua distribuita dalla rete cittadina, soprattutto nella parte alta di Domusnovas, continua a presentare un colore marroncino per nulla rassicurante.

Alcuni giorni fa è nato un comitato cittadino che ha già raccolto oltre 200 firme per chiedere al sindaco di convocare un'assemblea pubblica che fornisca informazioni sulla situazione idrica del paese.

"Sono tante le abitazioni nelle quali il problema si presenta ormai da mesi - afferma Tommaso Congiu, promotore della raccolta firme - ma quel che più preoccupa è l'acqua delle mense e delle scuole frequentate dai nostri figli per non parlare dei problemi che si trovano ad affrontare panifici e ristoranti".

L'acqua marrone (foto L'Unione Sarda - Farris)
L'acqua marrone (foto L'Unione Sarda - Farris)

Il comitato avanza anche delle proposte come quella, non l'unica, di prevedere autobotti nei punti più sensibili. Il sindaco Massimo Ventura non sembra orientato in tal senso ("sarebbe oneroso, dovremmo acquistare l'acqua da Abbanoa?") ma annuncia un imminente Consiglio comunale venendo incontro alla richiesta del comitato e alla precedente interrogazione della minoranza che aveva chiesto la convocazione della seduta proprio per analizzare i problemi idrici del paese.

"La seduta ci sarà - dichiara Massimo Ventura - vi analizzeremo la situazione e assicuro che risolveremo il problema ma chiedo fiducia: il problema è il potabilizzatore comunale guasto e obsoleto per cui prevediamo un intervento che si aggira tra i 70 e i 100mila euro di costo".

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...