CRONACA SARDEGNA - PROVINCIA DI CAGLIARI

la storia

"Quei soldi mi avrebbero fatto comodo. Ma io voglio guadagnare solo lavorando"

Gueye Serigne Manson, ambulante senegalese che a Quartu ha trovato e restituito un portafoglio con centinaia di euro
guye serigne manson (l unione sarda serreli)
Guye Serigne Manson (L'Unione Sarda - Serreli)

In Senegal studiava matematica all'Università, da 17 anni è in Sardegna.

Fa l'ambulante e, in estate, lo stagionale al Poetto. Ha 44 anni, una moglie e due figli rimasti nel suo Paese d'origine.

Gueye Serigne Manson si è reso protagonista di una bellissima storia di onestà.

Ha trovato un portafoglio a Quartu, l'ha restituito con tutto quello chec'era dentro, compresi 400 euro che gli avrebbero sicuramente fatto comodo.

"Ho fatto solo quello che ha detto la coscienza. Quel portafoglio non era mio. Quindi ho fatto di tutto per trovare il proprietario e per restituirlo. Tutto qui".

Gueye è questo, uomo onesto che col suo gesto ha certamente commosso in molti e soprattutto il proprietario di quel portafoglio - un imprenditore di Quartu - che lo ha ringraziato con una mancia.

"Sì, mi ha dato dei soldi. Quanto? Non è giusto dirlo. Lui mi ha dato quello che ha sentito di darmi e io l'ho ringraziato. Come lui ha ringraziato me. Fare quello che ho fatto, è stato per me una cosa naturale. Io voglio guadagnare solo lavorando".

Poi il racconto del ritrovamento. "L'altra sera, tornando a casa dal lavoro, ho trovato il portafoglio in via Santa Cecilia. Era per terra, vicino a un'auto parcheggiata. Quindi l'ho raccolto e sono andato a lavorare al Poetto, continuando a pensare: 'Devi trovare il proprietario per ridarglielo'".

Intanto l'imprenditore che lo aveva smarrito assieme ai soldi e ai documenti aveva fatto denuncia di smarrimento in caserma, guidata dal maggiore Valerio Cadeddu.

"Il giorno dopo il ritrovamento - racconta ancora Gueye - non avendo altro modo per rintracciare il proprietario, sono andato a casa sua. Sulla buca delle lettere ho lasciato un mio appunto col mio numero di telefono per essere rintracciato".

E così è andata: i due si sono messi in contatto per la restituzione.

Ora Gueye è tornato al suo lavoro di stagionale al Poetto. Non pensava che il suo gesto avrebbe attirato tanta attenzio. Al punto che qualcuno, ora, ha già iniziato a chiamarlo "il senegalese gentiluomo".

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...