CRONACA SARDEGNA - ORISTANO E PROVINCIA

il processo

Truffa milionaria a rivendite di auto: condannati due napoletani a Oristano

Si chiude in primo grado una vicenda iniziata a maggio 2011
il tribunale di oristano (foto l unione sarda pinna)
Il tribunale di Oristano (foto L'Unione Sarda - Pinna)

Con documenti falsi e utilizzando l’identità di altre persone erano riusciti a truffare diverse concessionarie di auto e alcune società finanziarie.

Ma il piano era stato bloccato dai carabinieri e tre napoletani e una donna pugliese erano finiti nei guai per truffa, sostituzione di persona, falsità in atti pubblici, falsità di documenti di identificazione e contraffazione. Oggi la vicenda si è conclusa davanti al Tribunale di Oristano: Rosetta Penza, 52 anni di Foggia, è stata condannata a 4 anni; Remo Di Paolo, 51 anni di Napoli, è stato condannato a due anni (entrambi difesi dall’avvocato Manuela Cau); Vincenzo Salino, 48 anni di Napoli (difeso Da Piero Aroni) è stato assolto per non aver commesso il fatto; Francesco Incoronato, 36 anni di Napoli (assistito dall’avvocato Rossella Oppo) assolto per un difetto di querela.

Con questa sentenza si chiude in primo grado una vicenda iniziata a maggio 2011 quando i 4 erano riusciti a truffare diverse concessionarie di auto tra cui la Citroen Fasauto, la Fiat William e la Volskswagen (complessivamente 120mila euro). Acquistavano, firmando contratti di acquisto con la finanziaria, utilitarie pronta consegna del valore tra 13 e i 15mila euro. Poi le auto venivano rivendute nel Napoletano ma il conto non veniva saldato da nessuno.

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...