CRONACA SARDEGNA - ORISTANO E PROVINCIA

maxi multa

Oristano, lavoratori in nero e dipendenti schiavizzati nel negozio fai da te

Quelli assunti avevano un part time ma lavoravano 54 ore a settimana, sotto il controllo di telecamere. E pagati molto meno di quanto previsto dai contratti collettivi
immagine simbolo (ansa)
Immagine simbolo (Ansa)

Impiegava otto lavoratori in nero (sette italiani e un pakistano). E anche con 33 dipendenti regolari violava le regole contrattuali e le normative nella gestione dei rapporti di lavoro.

Un grosso rivenditore di articoli fai da te di Oristano, di nazionalità cinese, è finito nei guai.

Alla fine di accertamenti durati mesi e iniziati su segnalazione della Questura, è emerso che l'uomo assumeva tutti i suoi dipendenti con un part time di 20 ore settimanali, ma pretendeva un full time di 54 ore a settimana. Le retribuzioni, di molto inferiori ai minimi previsti dai contratti collettivi, venivano erogate in contanti per le ore eccedenti la parte contrattualizzata.

Nei locali erano state persino installate delle telecamere per il controllo a distanza dei lavoratori. Tutto senza le autorizzazioni necessarie per legge.

L'imprenditore è stato sanzionato per oltre 38mila euro dall'ispettorato del Lavoro. Dovrà inoltre versare all'Inps più di 128mila euro, tutti i contributi spettanti e non versati finora ai lavoratori.

(Unioneonline/L)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...