CRONACA SARDEGNA - CAGLIARI

la legge ferma in parlamento

Insularità, la promessa di Giorgetti: "Porteremo avanti la proposta"

Incontro con i Riformatori a Cagliari: il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, in tour nell'Isola, sposa anche la battaglia per le accise
girogetti con il coordinatore dei riformatori pietrino fois (foto ufficio stampa riformatori)
Girogetti con il coordinatore dei Riformatori Pietrino Fois (Foto Ufficio stampa Riformatori)

Il governo s'impegnerà a "facilitare" l'iter della proposta di legge costituzionale sull'insularità.

È questa l'assicurazione fatta ai vertici dei Riformatori sardi dal sottosegratario alla Presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti, in visita in Sardegna (a Cagliari e Tortolì).

Lo stesso Giorgetti, che ha incontrato nel capoluogo il coordinatore Pietrino Fois e il candidato governatore del centrodestra Christian Solinas, ha confermato che anche la battaglia per le accise "deve proseguire con fermezza e determinazione". Aggiungendo: "Il governo deve essere al fianco dei sardi".

A riferire i dettagli del faccia a faccia sono gli stessi Riformatori, in una nota, dove si legge:

"Il sottosegretario si è impegnato a facilitare l'iter della proposta di legge costituzionale sull'insularità e a rivedere le norme di attuazione firmate da Renzi e Pigliaru sulle accise. L'inserimento del principio di insularità nella Costituzione è una importante precondizione per godere dello sviluppo della Sardegna e delle altre isole italiane. L'obiettivo è quello di avere, all'interno dell'Ue, cittadini non più discriminati e superare, così, gli svantaggi legati all'insularità, certamente non più tollerabili di questi tempi".

Tema dell'incontro è stato anche quello delle accise, cioè, spiegano i Riformatori, "la vertenza per riscuotere in Sardegna della compartecipazione sulle imposte gravanti sui prodotti petroliferi fabbricati in Sardegna".

Anche su questo il sottosegretario ha dato rassicurazioni.

"La nostra iniziativa - prosegue il comunicato dei Riformatori - per il riconoscimento dello Stato a favore della Regione Autonoma della Sardegna della compartecipazione sulle accise gravanti su tutti i prodotti petroliferi fabbricati in Sardegna, e non sui soli prodotti consumati in Sardegna , costituisce ancora oggi, una delle più grandi conquiste del popolo sardo in difesa dei propri diritti costituzionali sanciti dall'articolo 8 dello Statuto regionale".

(Unioneonline/l.f.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...