ECONOMIA

plafond

Danni da maltempo: il Banco di Sardegna stanzia 50 milioni di euro

"Reazione e Rilancio", il nome del fondo destinato a famiglie e imprese
l immagine simbolo dell alluvione di ottobre (foto vigili del fuoco)
L'immagine simbolo dell'alluvione di ottobre (Foto Vigili del Fuoco)

Un fondo - o meglio un "plafond" - da 50 milioni di euro.

È quello stanziato dal Banco di Sardegna per dare sostegno alle famiglie e alle imprese dell'Isola che hanno subito danni e perdite dopo le ripetute ondate di maltempo delle ultime settimane.

"Reazione e Rilancio" il nome scelto per il "tesoretto" che vuole essere, si legge in una nota, "un segnale tempestivo, tangibile e di grande vicinanza al territorio in cui opera attivando una serie di interventi volti ad agevolare una rapida ripresa delle attività economiche della Regione dando, allo stesso tempo, un sostegno anche alle famiglie".

L'istituto di credito spiega anche i dettagli per inoltrare domanda: "Al fine di velocizzare e semplificare la tempistica e le modalità di concessione ed erogazione, la richiesta per l'ottenimento degli interventi dovrà essere accompagnata da una semplice autocertificazione dei danni subiti che, per le imprese, potrà essere veicolata per il tramite delle principali associazioni di categoria. Ove necessario, i consorzi fidi di settore interverranno con garanzia diretta nell'ambito delle convenzioni in vigore".

Per quanto riguarda le famiglie, "il Banco ha previsto la possibilità di chiedere sia una moratoria di sospensione, fino a 12 mesi, del pagamento delle rate del mutuo casa, sia la concessione di un prestito personale per la riparazione o la sostituzione dei beni danneggiati".

Quanto alle imprese, l'istituto "ha previsto la possibilità di chiedere una moratoria di sospensione, fino a 12 mesi, delle rate di pagamento dei mutui e un finanziamento a medio termine di liquidità per la ricostituzione delle scorte, per la sostituzione e/o riparazione dei beni danneggiati e per qualsiasi altro intervento legato alla propria attività produttiva".

(Unioneonline/l.f.)

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

PIÙ LETTI
Loading...
Caricamento in corso...