CULTURA

il creativo

Oristano: cittadinanza onoraria a Gavino Sanna, via libera dal Consiglio

Con una delibera è stata accolta all'unanimità la proposta dell'assessore Tarantini
gavino sanna (foto l unione sarda pinna)
Gavino Sanna (foto L'Unione Sarda - Pinna)

Gavino Sanna sarà cittadino onorario di Oristano.

Lo ha deciso il Consiglio comunale che ha accolto all’unanimità la proposta dell’assessore alle Attività produttive Pupa Tarantini.

L’esponente della Giunta Lutzu ha ricordato che "Gavino Sanna ha regalato alla città di Oristano la campagna di comunicazione sulle scarpette rosse contro la violenza alle donne. Si tratta di un professionista che ha ricevuto numerosi premi internazionali, una ventina dei quali in America. Il nuovo modo di fare comunicazione in Italia, da Carosello in poi, lo si deve a lui. Oristano è onorata di averlo avuto come ideatore di una campagna pubblicitaria che ha dato lustro".

La delibera approvata dal Consiglio comunale così recita: "Si conferisce la cittadinanza onoraria Gavino Sanna, nato a Porto Torres, comunicatore e creativo di fama internazionale. Insigne ideatore della Campagna pubblicitaria e mediatica in occasione della manifestazione 'Scarpette Rosse - Oristano città della ceramica dice no alla Violenza', il suo contributo e genio ci hanno resi fieri di far assurgere la nostra Comunità - e l’Istituzione che la rappresenta - come esempio di sensibilità, condivisione, tolleranza e impegno per il rispetto della persona e dei diritti delle donne. Con l’efficacia evocativa della propria genialità, Gavino Sanna ha emozionato, persuaso, trasmesso un formidabile messaggio, volto a contrastare gli stereotipi di genere. Con appassionata adesione, ha condiviso la rilevanza pedagogica e civica della Iniziativa nell’ottica della sensibilizzazione e del coinvolgimento auto educativo delle nuove generazioni di fronte al triste fenomeno della violenza contro le donne. Con l’acutezza iconografica, simbolica e lessicale della propria invidiabile esperienza, Gavino Sanna ha appassionato, ammonito, veicolato l’impegno a combattere una nefasta violazione dei diritti umani, esortando tutte e tutti a denunciare, difendere, rimuovere le cause di un fenomeno che non possiamo, non dobbiamo non vogliamo connoti negativamente la Civiltà etica, il vivere civile, l’identità storica e le armoniche relazioni tra persone nella nostra Comunità".

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...