CULTURA

a selargius

La storia di Romeo Pinna, agente di commercio col pallino dell'arte

Ecco come è nata la sua passione: "Ho cominciato collaborando con una multinazionale nel campo della cosmesi"
pinna con un suo lavoro sul difensore della sampdoria nicola murru (l unione sarda serreli)
Pinna con un suo lavoro sul difensore della Sampdoria Nicola Murru (L'Unione Sarda - Serreli)

Creazioni frutto di una ricerca artistica basata sull'utilizzo di materiali grezzi e naturali. Le opere di Romeo Pinna, nato a Nuraminis nel 1973, residente a Selargius, stanno riscontrato interesse. L'agente di commercio che collabora con l'attività della moglie, spiega come è nata la sua passione.

"Il mio percorso artistico - dice Pinna - nasce durante la collaborazione con una multinazionale nel campo della cosmesi: quel mondo creativo, affascinante, ricco di stimoli e di scambi relazionali, con i suoi colori e le sue forme mi porta a sviluppare una mia tecnica personale che amo definire 'pittoscultura'. Tutte le mie creazioni sono il frutto di una ricerca artistica basata sull'utilizzo di materiali grezzi e naturali che spaziano dalla lana sarda allo spago, dalla terra alla sabbia e ghiaia che applico su delle tele create appositamente".

In questo modo, la Sardegna è sempre presente nel lavoro di Pinna che si divide tra astratto e figurativo con temi che spaziano dall'introspezione dell'animo umano alla figura femminile. "Anche se ultimamente, la mia tecnica - spiega l'agente di commercio-artista - è stata apprezzata per la sua particolarità sia da alcune aziende leader in Sardegna che hanno voluto inserire nei loro ambienti una rivisitazione in chiave artistica del proprio marchio o brand ma anche da persone in cerca di qualcosa di particolare e unico".

"Non ultimo - continua Pinna - il lavoro creato ad hoc su richiesta della famiglia di Nicola Murru, il calciatore sardo che ora milita nella Sampdoria in serie A. Motivo di orgoglio: si tratta dell'immagine di una persona molto nota a livello sportivo, soprattutto tra i giovani. Oltretutto mi ha portato una buona visibilità sui social, in particolare su Instagram dove ho ricevuto tantissimi complimenti e allo stesso tempo anche varie richieste di informazioni. Non nego che mi piacerebbe molto realizzare qualcosa per il Cagliari Calcio. Sinora ho limitato molto le mie esposizioni a delle collettive in ambito regionale dove ho sempre avuto un buon riscontro tra il pubblico. Ho partecipato e continuo a partecipare a qualche internazionale e nazionale come il premio Cascella. Il mio obiettivo è di fare della mia passione un vero e proprio lavoro. Sto seguendo un corso specifico, 'Professione Artista', attraverso professionisti del settore. Il mio sogno? come dice il mio insegnante: 'Se è un sogno sogna in grande' per cui spero di poter esporre in una grande istituzione o galleria riconosciuta in tutto il mondo".

Sognare non costa nulla.

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...