CULTURA

La festa

"Aspettando la Sartiglia", maschere e balli a Oristano

L'iniziativa, per il quarto anno consecutivo, apre il carnevale locale
un immagine dalla sartiglia (foto valeria pinna)
Un'immagine dalla Sartiglia (foto Valeria Pinna)

Maschere da tutta l'Isola e grande festa in centro. A Oristano per il quarto anno consecutivo il carnevale oristanese si apre con "Aspettando la Sartiglia".

Una serie di eventi faranno compagnia a cittadini e turisti in attesa della giostra di domenica 3 e martedì 5 marzo.

Si inizia sabato con musiche, balli, maschere e le specialità enogastronomiche del territorio.

A partire dalle 17, piazza Eleonora e il centro storico si ravviveranno con le maschere di Sindia, Paulilatino, Ula Tirso e il gruppo "Didi s Kamesnice" proveniente da Gljev in Croazia, dove il carnevale inizia con un'invasione chiassosa e colorata di uomini vestiti da montoni, i cosidetti Didi.

La serata sarà scandita dai ritmi dei gruppi di tamburini e trombettieri "Pro Loco di Oristano", "Sa Sartiglia", "Città di Oristano" e dalle esibizioni del Gruppo Folk "Città di Oristano" e del gruppo "Is currilleris de su Brugu". Sarà presente anche il suonatore Luca Schirru del gruppo Folk di Nurri.

Negli stand allestiti nel centro storico la possibilità di gustare tanti piatti tipici del territorio provenienti da Sindia, Paulilatino, Ula Tirso e Nurri e street food con pesce fritto, carne arrosto, fritti e torrone.

Non mancherà lo stand Istituzionale della Pro Loco Oristano.

A fine serata un grande Ballu Tundu intorno al monumento di Eleonora d'Arborea.

La manifestazione è organizzata dal Comune, dalla Fondazione Sa Sartiglia e dalla Pro Loco di Oristano.

© Riproduzione riservata

COMMENTI


UOL Unione OnLine

Più Letti
Loading...
Caricamento in corso...